Immatricolazione estera » Fregare il fisco ed avere il "macchinone"

Immatricolazione estera per supercar low cost

Per evitare fisco, alti costi di assicurazione e non pagare le multe basterebbe avere l'immatricolazione della propria auto in un Paese estero, meglio se dell'Est.

Le carenze legislative e le grandi differenze economiche tra i Paesi dell'Unione Europea lo rendono possibile.

Infatti, ormai, osservando le auto parcheggiate in doppia fila o a tutta velocità sotto il Tutor sembra che la targhe tedesche non vadano più di moda.

Il nuovo trend sono le auto targate Bulgaria o Romania. Il motivo è semplice. La procedura costa meno e si trovano sul web molti intermediari disposti ad occuparsi di tutte le procedure.

Secondo la legge italiana i proprietari di una vettura con targa estera hanno un anno di tempo per registrare la vettura ma basta intestarla ad un prestanome residente nell'est Europa e il gioco è fatto.

Dati e fatti sull'immatricolazione estera per supercar low cost

Ormai il fenomeno è tanto diffuso quanto percepibile: imbattersi in un'auto di pregio, grosse Bmw o Audi, spesso supercar come Porsche o Ferrari, con targa romena, polacca e ucraina è diventato discretamente comune nelle città italiane.

Se, in un primo momento, qualcuno ha pensato a un improvviso e diffuso aumento del tenore di vita dei cittadini provenienti dall'Est Europa, presto ha dovuto ricredersi: nella maggior parte dei casi, si tratta dell'escamotage messo in atto da molti per aggirare l'infinità di tasse, di burocrazia, di multe e di problemi che oggi vanno in scia al semplice possesso di un'automobile, specie se di lusso.

Il motivo del trucco è semplice: circolare, da cittadini italiani, con auto immatricolate in Paesi dove non si paga il superbollo e dove le tariffe assicurative sono meno della metà delle nostre conviene, anche perché si riesce a sfuggire dal redditometro e perfino dall'autovelox.

Nonostante gli automobilisti italiani siano costantemente controllati da telecamere, autovelox, Tutor e altre apparecchiature, basta viaggiare su una vettura con targa estera e si potrà tranquillamente transitare nelle zone a traffico limitato senza preoccuparsi della inevitabile contravvenzione o parcheggiare nelle strisce blu dimenticandosi del ticket.

In realtà la multa viene elevata all'auto con targa straniera ma le forze dell'ordine o le amministrazioni comunali avranno molte difficoltà a recapitare la contravvenzione al reale proprietario della vettura.

"Grazie" a questo stratagemma per anni le strade italiane sono state percorse da auto con targa estera ma guidate da automobilisti residenti in Italia.

La targa straniera oltre a rendere l'automobilista immune dalle contravvenzioni lo fa sparire agli occhi del redditometro e lo esonera da pagare gli oneri statali.

Due gli elementi che sembrano avere esasperato la situazione e generato tanti ‘italiani stranierì al volante: la supertassa che Monti ha calato sulla testa dei proprietari di motori con potenza superiore a 185 kW (20 euro di “bollo” in più per ogni kW in eccedenza) e i controlli a tappeto avviati dal governo l'estate scorsa nelle località di grido, da Cortina a Forte dei Marmi, con le telecamere dei telegiornali puntualmente convocate e con gli alt agli automobilisti seguiti dalle convocazioni per gli accertamenti fiscali da parte dell'Agenzia delle Entrate.

Chi non ha venduto la propria supercar all'estero (fuga che vede protagoniste migliaia di Porsche,Ferrari, Maserati, Lamborghini), ha scoperto la targa straniera.

Un modus operandi sempre più diffuso, eppure non affrontato con rigore da un'Europa impotente in materia: non esiste, infatti, un regolamento unico in materia e ogni membro può stabilire leggi e cavilli propri.

Al controsenso normativo non sfugge l'Italia, dove utilizzare un'auto con targa straniera non è poi così difficile, né del tutto vietato.

Come funziona l'immatricolazione estera per supercar low cost

Il caso più diffuso è quello del prestanome: un amico, un parente residente all'estero o magari un dipendente (in Italia la comunità romena ha superato il milione di persone).

Non sussiste un esplicito divieto a guidare l'auto, per esempio, di un proprio operaio, anche tutti i giorni.

L'unica limitazione viene dall'articolo 132 del Codice della strada, che recita: Gli autoveicoli, i motoveicoli e i rimorchi immatricolati in uno Stato estero e che abbiano già adempiuto alle formalità doganali … sono ammessi a circolare in Italia per la durata massima di un anno, in base al certificato di immatricolazione dello Stato di origine.

Peccato che, non essendoci più formalità doganali tra i paesi dell'Unione Europea, stabilire la data ufficiale d'ingresso in Italia è quasi impossibile

Ma non solo.

Sorgono molti altri dubbi e/o sotterfugi.

Forse, basterebbe uscire un giorno dai confini per poi rientrare e azzerare così l'anno di bonus.

E ancora, il riferimento all'immatricolazione nello stato di origine metterebbe fuorilegge tutte le auto con targa straniera più vecchie di un anno beccate sul suolo italiano senza nessun documento doganale comprovante l'ingresso meno di un anno prima?

Ancora non ci sono risposte sufficentemente chiarificatrici. E l'intrallazzo che ne è derivato è sotto gli occhi di tutti.

Lo stesso buco legislativo hanno iniziato a sfruttarlo i lavoratori stranieri in Italia.

Pur al volante di auto meno lussuose, non si sognano nemmeno di farle ritargare alla scadenza del dodicesimo mese.

Altra strada battuta dai furbetti dell'immatricolazione sono le opportunità di leasing offerte ai professionisti da società con sede in Germania.

Nessuna norma, infatti, sembra vietare ad un professionista italiano di affittare un'auto in leasing presso una compagnia di un Paese comunitario.

Più ardito il trucco di vendere al proponente del leasing la propria, costosa auto e, un'ora dopo, stipulare un regolare contratto di noleggio, scaricando così anche il costo dalla dichiarazione dei redditi.

Poi c'è anche un altro capitolo tutto da esplorare, ovvero quella della convenienza geografica dell'immatricolazione all'estero.

In tal senso, la scelta cade spesso e volentieri sulla Germania.

Questo perchè ci si confonde tra i milioni di tedeschi che vengono in Italia da turisti e per gli agenti della Stradale è difficilissimo pescare l'italiano furbetto.

Inoltre, c'è il rifiuto da parte della legislazione tedesca di recepire come prova di un eccesso di velocità la sola foto della targa dell'auto senza quella che ritrae in viso chi si trovava al volante in quel momento, che in Italia non si può scattare per la legge sulla privacy.

Ma attenzione, questi sono solo i vantaggi di guidare in Italia una vettura con targa straniera.

Ovviamente ci sono anche dei rischi: si va da una contravvenzione che va dagli 80 ai 318 euro o nei peggiori dei casi ad un processo con l'accusa di truffa aggravata ai danni della pubblica amministrazione.

13 maggio 2013 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su immatricolazione estera » fregare il fisco ed avere il "macchinone".

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.