Il sovraindebitamento: definizione e tipologie

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Il sovraindebitamento è argomento a cui, anche la dottrina italiana, seppur ancora timidamente se messa a confronto con le altre esperienze giuridiche europee, ha iniziato a rivolgere la propria attenzione, soprattutto sulla scia dei diversi e numerosi rapporti che vengono periodicamente stilati dagli istituti di credito, dalle associazioni di consumatori e dalle società finanziarie, allo scopo di monitorare la situazione attuale di indebitamento delle famiglie.

La constatazione cui, univocamente, giungono tali interventi, è che se vivere è diventato un gioco a credito, non solo le famiglie italiane, ma anche le famiglie europee, e talvolta in misura ben maggiore, hanno dimostrato di saper giocare, date le dimensioni che, negli ultimi anni, il fenomeno dell'eccessivo indebitamento è andato assumendo, al punto da spingere ad un ripensamento della riforma del diritto fallimentare, non più esclusivamente in chiave di crisi dell'impresa, bensì in termini di superamento della tradizionale distinzione, consolidatasi con il codice francese, tra l'insolvenza dell'imprenditore e l'insolvenza del debitore comune.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.