Il sistema prezzo valore

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

E' in vigore dal primo gennaio 2006, ma ancora poco conosciuto: parliamo del sistema prezzo valore, il nuovo insieme di regole per la compravendita di immobili, al quale il consiglio nazionale del notariato e le associazioni dei consumatori hanno dedicato una nuova guida, da poco disponibile su internet.

Oggi, infatti, si calcolano le imposte da pagare sull'acquisto di un immobile per uso abitativo, non solo la prima casa quindi, sulla basa del valore catastale e non più sul prezzo di vendita. Lo scopo è chiaro: se le tasse vengono calcolate considerando solo il prezzo di vendita riportato nell'atto, la tentazione di mentire e indicarne uno più basso è forte.

Dunque, il prezzo valore è una norma antievasione. Lo scopo dello Stato, oltre a ridurre le opportunità di evasione fiscale, è di far emergere il vero valore delle compravendite immobiliari.

Ma l'adesione è volontaria, e si può scegliere il prezzo valore solo se sull'atto viene indicato l'esatto prezzo di vendita, pena multe salate. E allora, perché si dovrebbe scegliere questa formula se la conseguenza è pagare più tasse?

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.