Contratti di prestito – rinnovo della cessione del quinto [Commento 1]

  • Gruppomoney 22 ottobre 2008 at 06:24

    CONTO DI ESTINZIONE ANTICIPATA

    Il conteggio estintivo è un documento che attesta la somma complessiva da versare a una banca o società finanziaria per poter estinguere completamente un debito in corso.
    Si compone solitamente del conteggio vero e proprio e delle istruzioni bancarie per il versamento della somma.

    A) IL CONTEGGIO
    dalla somma complessiva ancora dovuta in virtù del piano di ammortamento (quindi la semplice somma delle rate ancora da pagare) la banca:
    1) sconta (detrae) gli interessi non maturati. L'ammontare di questi interessi è stabilito dal tasso TAN (tasso annuo nominale) indicato nel contratto. Più è alto tale tasso, maggiore sarà lo sconto di interessi. A volte viene indicato con nomi diversi (interessi scalari, abbuono interessi ecc);
    2) aggiunge la penale di rimborso anticipato. E' una percentuale sul capitale rimborsato che per legge non può superare l'1% (per darvi un'idea: se dovete ancora 10.000€ la penale sarà di 100€). Spesso tale penale non viene più prevista;
    3) aggiunge i dietimi di interessi. Rappresentano gli interessi giornalieri sul capitale ancora dovuto calcolati per il periodo di tempo che decorre dalla data di pagamento dell'ultima rata al momento in cui il conteggio estintivo viene chiuso. Ancora un esempio: se l'ultima rata è stata pagata il 10 del mese e il conteggio è calcolato al 30 dello stesso mese allora i dietimi sono gli interessi sul capitale in questi 20 giorni;
    4) aggiunge eventuali spese accessorie e commissioni varie. Sono piccole cifre e devono comunque essere previste dal contratto.

    B) ISTRUZIONI PER IL VERSAMENTO
    Indicano le coordinate bancarie cioè il numero di conto su cui versare la somma e la causale da indicare sul bonifico per permettere l'identificazione del versante (solitamente è il numero del contratto di finanziamento).
    Indicano anche la data massima di validità del conteggio estintivo e quindi la data entro la quale va obbligatoriamente effettuato il bonifico, pena la perdita di validità del documento.

    Nel caso di estinzione di una Cessione del Quinto o di un Prestito Delega, la Banca provvede, non appena riceve la somma dal cliente o da altra banca (è il caso del rinnovo di cessione), a emettere Lettera Liberatoria in cui conferma di aver ricevuto la somma e dichiara di non aver più nulla a pretendere. Tale lettera viene anche indirizzata al Datore di Lavoro che può quindi sospendere la trattenuta delle rate dallo stipendio.

1 2

Torna all'articolo