Il ravvedimento operoso

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina.

Ravvedimento operoso per imposte dirette ed IVA

Con il "ravvedimento operoso" il contribuente può regolarizzare omissioni e irregolarità e beneficiare della riduzione delle sanzioni amministrative ordinarie. Il ravvedimento è consentito entro determinati limiti di tempo e quando:  la violazione non è stata già constatata dall'ufficio o ente impositore e notificata all'autore della stessa  non sono iniziati [ ... leggi tutto » ]

Ravvedimento operoso e mancato pagamento dei tributi

L'omesso o insufficiente pagamento delle imposte dovute a titolo di acconto o di saldo in base alla dichiarazione dei redditi e dell'Iva, nonché l'omesso o insufficiente versamento delle ritenute alla fonte operate dal sostituto d'imposta, possono essere regolarizzati eseguendo spontaneamente il pagamento:  dell'imposta dovuta  degli interessi moratori (calcolati al [ ... leggi tutto » ]

Ravvedimento operoso per presentazione della dichiarazione con ritardo inferiore o uguale a 90 giorni

Se la dichiarazione è presentata con ritardo non superiore a novanta giorni, la violazione può essere regolarizzata eseguendo spontaneamente, entro lo stesso termine, il pagamento di una sanzione di 25 euro (pari ad 1/10 della sanzione minima di 258 euro), ferma restando l'applicazione delle sanzioni [ ... leggi tutto » ]

Ravvedimento operoso per violazioni di natura formale

Quando si parla di violazioni formali bisogna distinguere tra le due seguenti fattispecie:  violazioni "formali", che non hanno conseguenze sostanziali e cioè non incidono sulla determinazione della base imponibile, dell'imposta e sul versamento del tributo  violazioni "meramente formali", che, oltre a non avere risvolti sostanziali, non arrecano nemmeno pregiudizio [ ... leggi tutto » ]

Ravvedimento operoso per violazioni di natura sostanziale e ravvedimento operoso

Gli errori o le omissioni di natura sostanziale relativi alle dichiarazioni validamente presentate (comprese quelle presentate con ritardo non superiore a novanta giorni) possono essere regolarizzati presentando una dichiarazione integrativa entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno nel corso del quale si è verificato l'errore o l'omissione. [ ... leggi tutto » ]

Ravvedimento operoso per tardiva trasmissione della dichiarazione da parte degli intermediari

Per l'omessa o la tardiva trasmissione delle dichiarazioni da parte dei soggetti abilitati all'invio telematico, ai fini dell'applicazione del ravvedimento è necessario che la dichiarazione non trasmessa possa ancora essere validamente presentata. Pertanto, la possibilità di ravvedersi per l'intermediario che non ha trasmesso tempestivamente la dichiarazione presuppone necessariamente la [ ... leggi tutto » ]

Ravvedimento operoso - Modalità di pagamento

Per usufruire del ravvedimento, i versamenti vanno eseguiti:  con il modello F24, per le imposte sui redditi, le relative imposte sostitutive, l'Iva, l'Irap, e l'imposta sugli intrattenimenti  con il modello F23, per l'imposta di registro e gli altri tributi indiretti, indicando la causale "SZ" e, nello spazio riservato agli [ ... leggi tutto » ]

Ravvedimento operoso - Presentazione della dichiarazione integrativa

Quando per il ravvedimento è obbligatoria una dichiarazione integrativa, l'interessato deve presentarla, secondo le stesse modalità previste per la dichiarazione originaria, entro i termini di presentazione della dichiarazione relativa all'anno nel corso del quale l'errore o l'omissione si sono verificati. La dichiarazione va presentata:  utilizzando, anche in fotocopia, i [ ... leggi tutto » ]