Il pignoramento mobiliare

Cosa è il pignoramento mobiliare

Con il termine pignoramento mobiliare si indica il pignoramento di arredi, mobili, utilità generalmente presenti presso la residenza del debitore o in luoghi a lui disponibili.

Attenzione: quando si presenta a casa l’ufficiale giudiziario il debitore ha l’ultima possibilità di impedire il pignoramento, pagando a mani dell‘ufficiale giudiziario il debito e le spese dovute.

Se ciò non avviene, l’ufficiale giudiziario inizia il pignoramento mobiliare. Munito del titolo esecutivo e del precetto compare di norma in modo del tutto inaspettato a casa del debitore o sul suo posto di lavoro (ad es. per pignorare l’automobile).  Può ricercare le cose da pignorare nella casa del debitore, negli altri luoghi di appartenenza dello stesso o sulla persona del debitore osservando le opportune cautele per rispettarne il decoro.

Quando è necessario aprire porte, ripostigli o recipienti, vincere la resistenza opposta dal debitore o da terzi, oppure allontanare persone che disturbano l’esecuzione del pignoramento, l’ufficiale giudiziario può richiedere anche l’assistenza della forza pubblica.

Nel caso in cui i beni pignorabili si trovino presso terzi (ad es. l‘auto del debitore è parcheggiata nel garage di un parente) l‘ufficiale giudiziario è munito dalla legge del potere di ispezionare anche locali altrui.

L’ufficiale giudiziario stima e valuta – anche con l’aiuto di esperti – i beni pignorabili. Contestualmente avverte il debitore che lo stesso deve astenersi da qualsiasi atto di disposizione dei beni sottoposti a pignoramento, in quanto destinati a soddisfare il credito indicato nell‘atto di pignoramento.

La eventuale richiesta di conversione del pignoramento avanzata dal debitore

L’ufficiale giudiziario deve avvertire il debitore che ai sensi dell’art. 495 c.p.c. può chiedere la conversione del pignoramento in un pagamento rateale. Questa richiesta deve essere formulata prima della disposizione della vendita o dell‘assegnazione delle cose. Inoltre il debitore deve essere invitato ad effettuare presso la cancelleria del giudice dell’esecuzione la dichiarazione di residenza o l’elezione di domicilio in uno dei comuni del circondario in cui ha sede il giudice competente per l’esecuzione, con l’avvertimento che – in mancanza ovvero in caso di irreperibilità presso la residenza dichiarata o il domicilio eletto – le successive notifiche o comunicazioni a lui dirette saranno effettuate presso la cancelleria dello stesso giudice. In quest’ultimo caso il debitore non riesce ad avere conoscenza dello stato del procedimento.

Il pignoramento virtuale

Il pignoramento mobiliare è stato modificato dalla riforma del 2006, la quale ha introdotto la possibilità di un pignoramento virtuale. Quando l’ufficiale giudiziario non individua beni utilmente pignorabili oppure le cose e i crediti pignorati appaiono insufficienti a soddisfare le pretese del creditore, deve invitare il debitore ad indicare altre cose pignorabili e il luogo in cui si trovano.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Stai leggendo Il pignoramento mobiliare Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il 9 maggio 2009 Ultima modifica effettuata il 13 novembre 2013 Classificato nelle categorie pignoramento - nozioni generali Etichettato con tag , , . Archiviato nella sezione conseguenze dei debiti » pignoramento » pignoramento – nozioni generali Numero di commenti e domande: 43 Clicca qui per inserire un commento o porre una domanda

Approfondimenti e integrazioni

Commenti e domande dei lettori

  • Devi essere loggato per poter inserire un commento o un quesito.
  • mariella74 12 luglio 2011 at 12:58

    vorrei sapere a cosa si va incontro se lascio che mi pignorano i due mobili sgangherati e i 3 tv di dieci anni fa? e siccome è certo che questi oggetti non basteranno a coprire la somma si 800 euro il creditore può fare altri pignoramenti per esempio conto corrente o busta paga finchè non arriva alla somma dovuta??? e legalmente a cosa vado incontro dopo il pignoramente?non posso più acquistare nulla sotto il mio nome?? e neanche sotto quello di mio marito visto che siamo in comunione dei beni??

    • dott. Emanuele Perrotta 12 luglio 2011 at 14:25

      Ciao Mariella. Il tuo quesito andrebbe riproposto nella sezione “debiti” del forum di indebitati.it.

      La registrazione al forum è da noi gradita, ma non è necessaria per poter ottenere risposta. Potrai inserire il tuo quesito e leggere la risposta degli esperti anche come semplice ospite visitatore, non registrato.

1 21 22 23

.