Il pignoramento esattoriale - se non si paga la cartella esattoriale

Il pignoramento esattoriale - cosa è

Se non si paga una cartella esattoriale, entro 60 giorni dalla sua notifica, l’agente della riscossione puo’ mettere in atto le procedure esecutive che ritiene piu’ opportune al fine di riscuotere il dovuto.

Si va dal fermo amministrativo dell'auto all'iscrizione di ipoteca sulla casa, fino ad arrivare all’espropriazione forzata (pignoramento e vendita coattiva) dei beni immobili e mobili del debitore e dei suoi coobbligati.

Le regole sono quelle generiche previste dal codice di procedura civile per il pignoramento ordinario, a cui vanno aggiunge quelle piu’ specifiche, relative al pignoramento esattoriale, contenute negli articoli dal 49 al 76 del dpr 602/73.

Sono quindi pignorabili i beni mobili presso il debitore, le cose del debitore presso terzi, i crediti del debitore presso terzi (comprendenti, oltre agli stipendi, i fitti e le pigioni dovute da terzi, etc.)  beni immobili e diritti reali immobiliari (usufrutto, nuda proprieta’) e rimangono valide le regole relative all'impignorabilità.

Cambiano, nel caso di pignoramento esattoriale, derivante dal mancato pagamento di una o più cartelle esattoriali,  le procedure. Nella procedura esattoriale:

  1. il pignoramento non puo’ aver luogo prima che siano decorsi 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale;
  2. il pignoramento può’ essere messo in atto, sui beni immobili, solo per debiti complessivi superiori agli 8 mila euro;
  3. se le somme iscritte a ruolo sono inferiori al 5% del valore dell'immobile, Equitalia deve prima iscrivere ipoteca e puo’ procedere col pignoramento solo dopo sei mesi, qualora ovviamente la cartella esattoriale non sia stata pagata;
  4. nel caso in cui il pignoramento venga messo in atto dopo un anno dalla notifica della cartella esattoriale, occorre la notifica di un preavviso contenente l’intimazione a pagare entro 5 giorni. Questo avviso perde efficacia se il pignoramento non segue entro 180 giorni dalla sua notifica;
  5. il pignoramento, inoltre, perde efficacia se dalla sua esecuzione trascorrono 120 giorni senza che sia stato fatto il primo tentativo (incanto) di vendita all'asta.

Il pignoramento esattoriale presso terzi

Per quanto attiene il pignoramento presso terzi (pignoramento di stipendi e pensioni, soprattutto ma anche di conti correnti) la procedura esattoriale presenta delle rilevanti differenze rispetto a quella ordinaria disciplinata dal codice di procedura civile.

La legge in questi casi prevede infatti che il terzo debitore, semplicemente dietro notifica di un atto con cui viene messo al corrente della procedura di pignoramento, versi direttamente ad Equitalia le cifre dovute al debitore iscritto a ruolo, entro 15 giorni dalla notifica dell'atto di pignoramento, fino a concorrenza del credito per cui si procede (dpr 602/73 articolo 72 bis).

Sul punto, Equitalia ha emesso, con la direttiva numero 12 dell'8 giugno 2010, disposizioni di maggior favore per il pignorato. In particolare è previsto che il terzo debba effettuare il versamento entro sessanta giorni, e non più entro quindici giorni dalla notifica dell'atto di pignoramento. Questo vuol dire che il pignorato ha molto più tempo per presentare opposizione al pignoramento ritenuto illegittimo. Ad esempio nel caso in cui la quota del quinto sia stata calcolata erroneamente, non abbia tenuto conto di redditi impignorabili, di un pignoramento esattoriale in corso o del minimo vitale di sussistenza.

Possono redigere e notificare l’atto di pignoramento presso terzi, inoltre, anche i dipendenti Equitalia non abilitati all'esercizio di funzioni di “ufficiale della riscossione”.  Questa novità è stata  introdotta dalla Finanziaria 2008 con l'articolo 1 e commi 141/142.

Opposizione al pignoramento esattoriale

Una volta iniziata la procedura di pignoramento esattoriale le contestazioni inerenti il diritto a procedere di Equitalia, i vizi della procedura e la pignorabilità dei beni possono essere proposte solo al giudice dell'esecuzione.

Molto limitate risultano, in tale contesto, le tutele a cui il debitore esecutato può ricorrere, specie nel caso in cui il pignoramento presso terzi, ad esempio, sia stato disposto a seguito del mancato pagamento di una cartella esattoriale mai notificata oppure non correttamante notificata

Questo perchè all'articolo 2 del Dlgs numero 546/92 viene stabilito che restano escluse dalla giurisdizione tributaria le controversie relative agli atti dell'esecuzione successivi alla notifica della cartella esattoriale; da cui deriva l’impossibilità di poter impugnare il pignoramento - in quanto atto dell'esecuzione - dinanzi al giudice designato in materia di tributi.
.
E, d’altra parte, in campo tributario permane l’esclusione delle ordinarie opposizioni all'esecuzione e agli atti esecutivi pur previste dagli articoli 615 e 617 del codice di procedura civile (si legga in proposito l’articolo 57 del DPR numero 602/73). Si può richiedere l'intervento del giude delle esecuzioni esclusivamente per contestazioni inerenti la pignorabilita’ dei beni.

L’unica carta da giocare, allora, potrebbe essere quella di impugnare dinanzi alla Commissione tributaria la cartella esattoriale presupposta al pignoramento, facendo presente al giudice tributario che si è venuti a conoscenza della stessa solo in quel momento e chiedendone l’annullamento per difetto di notifica. A questo punto il pignoramento privo di un valido titolo esecutivo dovrebbe venir meno.

18 maggio 2011 · Simone di Saintjust

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il pignoramento esattoriale - se non si paga la cartella esattoriale. Clicca qui.

Stai leggendo Il pignoramento esattoriale - se non si paga la cartella esattoriale Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 18 maggio 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria pignoramento esattoriale - immobiliare e mobiliare Inserito nella sezione pignoramento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti