Equitalia - stop al pignoramento del conto corrente per redditi da stipendio o pensione inferiori a 5 mila euro

Stop ai pignoramenti sui conti correnti in banca o alle poste dove vengono versati i soldi di stipendi e pensioni. Lo ha deciso Equitalia con decorrenza immediata, stabilendo che la procedura di pignoramento del conto corrente va attivata solo se il debitore percepisce uno da stipendio o pensione pari o superiore a 5 mila euro. La decisione è contenuta in una circolare che il responsabile della divisione riscossione di Equitalia, Giancarlo Rossi, ha inviato agli amministratori delegati e ai direttori generali di tutte le società di riscossione partecipate.

Lo stop riguarda solo il prelievo sui conti correnti (e solo sotto il limite dei 5.000 euro di reddito da lavoro-pensione al mese) mentre per le procedure di pignoramento presso il datore di lavoro o l'ente pensionistico si procederà secondo le tradizionali regole: potrà essere pignorato 1/10 dello stipendio sotto i 2.500 euro mensili di reddito, 1/7 tra 2.500 e 5.000 euro 1/5 sopra questa soglia.

La circolare, che ha per oggetto "pignoramenti a carico di lavoratori dipendenti e pensionati", prevede che nelle more degli approfondimenti che si rendono necessari all'esito delle problematiche emerse in merito ai pignoramenti di conti correnti sui quali affluiscono stipendi/pensioni, si dispone, con decorrenza immediata, che per i contribuenti lavoratori dipendenti e/o pensionati non si proceda, in prima battuta, a pignoramenti presso istituti di credito/poste. Tali azioni - prosegue la circolare - saranno attivabili solo dopo che sia stato effettuato il pignoramento presso il datore di lavoro e/o ente pensionistico e che, in ragione delle trattenute accreditate, il reddito da stipendio/pensione risulti pari o superiore a 5 mila euro mensili.

In pratica, il pignoramento del conto corrente in banca potrà essere effettuato esclusivamente:

  1. nei confronti di chi abbia già subito il pignoramento presso il datore di lavoro o presso l'Inps;
  2. a condizione che il reddito da stipendio o da pensione percepito dal debitore, al netto dei pignoramenti effettuati, risulti inferiore a 5 mila euro.

Pertanto, se il debitore percepisce un importo mensile netto, da pensione o lavoro, inferiore a 5 mila euro, nei suoi confronti non potrà essere attuato il pignoramento del conto corrente. Egli, potrà, al massimo, subire il pignoramento esattoriale presso terzi per una quota frazionale soggetta, lo ribadiamo, ai seguenti limiti:

  1.  1/10 nel caso in cui l'importo mensile percepito dal debitore sia minore di 2.500 euro
  2.  1/7 nel caso in cui l'importo mensile percepito dal debitore sia compreso fra 2.500 e 5.000 euro
  3.  1/5 nel caso in cui l'importo mensile percepito dal debitore vada oltre i 5.000 euro.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su equitalia - stop al pignoramento del conto corrente per redditi da stipendio o pensione inferiori a 5 mila euro. Clicca qui.

Stai leggendo Equitalia - stop al pignoramento del conto corrente per redditi da stipendio o pensione inferiori a 5 mila euro Autore Simonetta Folliero Articolo pubblicato il giorno 22 aprile 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria pignoramento del conto corrente bancario o postale Inserito nella sezione pignoramento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 7 8 9

cerca