Come gli avvocati possono pattuire il compenso con i propri clienti

Il Consiglio Nazionale Forense (CNF) ha sempre condotto una battaglia non solo ideologica, senza riserve, al patto di quota lite, definendo nel dettaglio le modalità con cui gli iscritti (gli avvocati, per obbligo) possono pattuire il proprio compenso con cliente.

In pratica, il CNF ha ritenuto non proponibile l'accordo in cui il cliente promette al proprio legale, ad esempio, il 20% di quanto il giudice gli riconoscerà in sentenza nei confronti della controparte, mentre ha dato la propria benedizione al patto con cui il cliente promette all'avvocato il 20% di quanto egli, nella domanda giudiziale, chiede alla controparte, sebbene ancora non sia quantificato l'importo concreto che, alla fine del giudizio, il giudice gli riconoscerà (sempre ammesso che si vinca la causa).

Sfracelli e sanzioni sono state minacciate, nel tempo, verso coloro (ben pochi avvocati, a dire il vero) che non si sarebbero adeguati alle direttive del CNF.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su come gli avvocati possono pattuire il compenso con i propri clienti.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.