cosa possono a fare le aziende per prevenire il furto di identità?

L'individuo non è l'unica vittima del furto di identità, anche le aziende possono essere
obiettivo di criminali senza scrupoli. Essi possono rovinarne il buon nome ottenendo beni e servizi a credito dai fornitori.

Tuttavia le aziende possono tutelarsi e devono, a loro volta, tutelare i propri dipendenti, clienti e fornitori.  Ecco come:

  • Non lasciare che i dettagli dei principali conti aziendali siano di pubblico dominio, così che i frodatori possano ottenere dettagli sufficienti per intaccarli.
  • Predisporre un'accurata politica di gestione e archiviazione dei documenti è il primo passo per proteggere l'azienda e i dipendenti contro il furto di identità.
  • Distruggete tutti i documenti riportanti dati sensibili: le aziende hanno il dovere di conservare e proteggere le informazioni dei propri clienti e dei propri dipendenti oltre che l'obbligo.
  • Infatti in Italia è vigente il Decreto Legislativo 196/2003 o “ Codice in materia di protezione dei dati personali”:
    • Chiunque per motivi professionali conserva o tratta dati sensibili altrui (e quindi, tutte le organizzazioni, le aziende, gli enti pubblici, i professionisti …) è soggetto alle cautele e agli obblighi previsti dalla legge in quanto responsabile civilmente e penalmente anche in modo oggettivo di ogni danno cagionato al titolare o a terzi da un trattamento non corretto;
    • Il trattamento dei dati è considerato un' attività pericolosa e come tale gode dell'inversione dell'onere della prova (articolo 2050 Codice Civile): è il responsabile del trattamento dei dati che ha l'onere di dimostrare il corretto utilizzo per evitare di incorrere in sanzioni civili e penali
    • L'ufficio del Garante della Privacy può richiedere alle autorità di polizia di effettuare controlli e le sanzioni per il mancato rispetto della legge possono arrivare a 80.000 euro (articoli da 161 a 172 del decreto). La legge elenca 17 possibili operazioni di trattamento dei dati. In particolare, i dati su supporti cartacei o multimediali una volta cessato il trattamento devono essere distrutti (articolo 16, c. 1-a). Distruggere i supporti, cartacei e non, è infatti il modo migliore per evitare che i criminali possano avere accesso ai dati sensibili.
  • Mettere i dipendenti a conoscenza dei rischi di frode di identità aziendale: questo può garantirvi che rimarranno vigili. Assicuratevi che la procedura di gestione dei documenti sia comunicata e correttamente eseguita da tutti i dipendenti. Fate in modo che siano cauti nel fornire le informazioni dell'azienda on-line o via telefono, verificando con chi effettivamente hanno a che fare.
  • Assicuratevi che il sistema operativo antivirus e firewall siano tenuti aggiornati. In questo modo i dipendenti possono aprire in sicurezza gli allegati delle e-mail ricevute.

8 marzo 2009 · Giovanni Napoletano

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , ,

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cosa possono a fare le aziende per prevenire il furto di identità?. Clicca qui.

Stai leggendo cosa possono a fare le aziende per prevenire il furto di identità? Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 8 marzo 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - frode creditizia e furto di identità Inserito nella sezione tutela consumatori del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca