Costituzione del fondo patrimoniale da parte di un terzo per atto fra vivi

Una persona diversa dai coniugi, e per questo terza rispetto al nucleo familiare, può, mediante atto pubblico, procedere alla costituzione del Fondo patrimoniale in favore di essi.

Fintanto che non è intervenuta l'accettazione da parte dei coniugi beneficiari, i beni rimangono nella piena e libera disponibilità del terzo. L'accettazione dei coniugi va fatta per atto pubblico e può avvenire contestualmente alla costituzione del Fondo patrimoniale o successivamente.

L'atto può precedere la celebrazione di matrimonio e, in tal caso, sarà soggetto alla condizione legale sospensiva della celebrazione del matrimonio tra le persone specificamente indicate nell'atto di costituzione.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su costituzione del fondo patrimoniale da parte di un terzo per atto fra vivi. Clicca qui.

Stai leggendo Costituzione del fondo patrimoniale da parte di un terzo per atto fra vivi Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 13 ottobre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria impresa responsabilità patrimoniale socio ed amministratore Inserito nella sezione debiti ed imprese del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 2 3

Contenuti suggeriti da Google

Altre info