Costituzione del fondo patrimoniale da parte di uno o di entrambi i coniugi

Il Codice civile all'articolo167, comma 2, richiede l'accettazione, da parte dei coniugi, anche fatta a posteriori, solo nel caso della costituzione del fondo per opera di un terzo per atto tra vivi.

Dottrina e giurisprudenza prevalenti hanno però esteso la necessità dell'accettazione da parte dei beneficiari anche ai casi di costituzione da parte dei coniugi; hanno riconosciuto, infatti, a questo istituto una natura contrattuale, classificandolo fra le convenzioni matrimoniali, per la conclusione delle quali è sempre necessario il consenso di entrambe i coniugi.

Potranno essere costituiti in Fondo patrimoniale beni appartenenti ad entrambi in comunione ordinaria, oppure beni in proprietà esclusiva di ciascuno dei coniugi.

La proprietà dei beni costituiti in Fondo patrimoniale spetta ad entrambi i coniugi, salvo sia diversamente stabilito nell'atto di costituzione.

È infatti consentito che entrambi i coniugi per i beni di rispettiva proprietà, o uno solo di loro si riservi la proprietà dei beni: in quest'ultimo caso l'oggetto del conferimento è il diritto di godimento del bene, in modo analogo alla costituzione di un usufrutto.

La proprietà può anche essere conferita a soggetti diversi dai coniugi, quali ad esempio i loro figli.

Uno dei coniugi potrà costituire il Fondo patrimoniale anche prima del matrimonio subordinandone l'efficacia alla celebrazione delle nozze.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su costituzione del fondo patrimoniale da parte di uno o di entrambi i coniugi.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Arturo 8 giugno 2015 at 16:27

    Per chi aveva un'attività commerciale (abbigliamento) e un fondo patrimoniale costituito prima del debito contratto con un fornitore e per debiti verso Equitalia, vi dico senza ombra di dubbio, che purtroppo il fondo patrimoniale non vale nulla. In due distinti ricorsi i giudici ci hanno dato torto.

    Nel primo non solo è stato concesso ad un fornitore di "pignorare" i miei beni quando invece la legge dice che bisogna chiedere una revocatoria,ma il giudice fallimentare ha respinto il nostro ricorso e poi il nuovo ricorso ai giudici del tribunale (tre giudici ndr) di nuovo respinto facendo un copia incolla di quanto scritto dal primo giudice. Mentre per Equitalia il ricorso per un ipoteca che avevano messo su i miei beni, ricorso al tribunale amministrativo provinciale e poi appello al tribunale amministrativo regionale respinti entrambi.

    Il fondo patrimoniale per mia esperienza non vale se non carta straccia!

1 14 15 16