Debiti ed attività d’impresa – il fondo patrimoniale

Ogni attività d’impresa presenta necessariamente dei rischi. Il capitale investito può produrre un guadagno, ma anche subire delle perdite, e ciò rientra nel concetto stesso di rischio d’impresa.

L’imprenditore, però, ha a propria disposizione alcuni strumenti per limitare il rischio d’impresa, mettendo al riparo da qualsiasi sorpresa i beni di uso personale (prima di tutto la casa) per evitare che siano coinvolti negli eventuali problemi dell’azienda.

Debiti ed attività d’impresa – il fondo patrimoniale

La regola generale è che l’imprenditore individuale risponde dei debiti relativi alla propria attività con tutto il suo patrimonio, e non solo con quella parte che viene destinata all’esercizio dell’impresa. Per separare il patrimonio personale da quello dell’azienda occorre utilizzare uno degli strumenti che la legge mette a nostra disposizione.

Il sistema più utilizzato per ottenere questa tutela è ovviamente la costituzione di una società di capitali (s.r.l. o s.p.a.). In questo caso la legge prevede che la società risponde dei debiti solo con il proprio patrimonio, quindi il socio rischia solo il capitale conferito, o comunque ciò che ha messo a disposizione dell’impresa. Anche l’amministratore della società non ha alcuna responsabilità, fino a che si comporta correttamente nel pieno rispetto della legge.

La possibilità di costituire una società di capitali anche nella forma unipersonale, cioè con un unico socio, consente di utilizzare questo strumento anche per le imprese individuali. Per le s.r.l. questa possibilità è riconosciuta da tempo, e con la riforma del diritto societario anche la s.p.a. può essere costituita in forma unipersonale.

Ancora oggi, però, la maggior parte delle aziende è gestita nella forma dell’impresa individuale oppure della società di persone (s.n.c. e s.a.s., oppure società semplici per l’attività agricola). Questa forme, per loro natura, non garantiscono la separazione del patrimonio aziendale da quello personale dei soci.

Per molte attività, d’altronde, non vale la pena di sostenere i maggiori costi legati alla gestione di una s.r.l.. Senza contare che spesso anche i soci della s.r.l. rinunciano di fatto, almeno in parte, alla limitazione di responsabilità sottoscrivendo delle fideiussioni a garanzia dei debiti della società, e dunque si trovano in una situazione non molto diversa da quella di una società di persone. Inoltre, anche l’amministratore di una s.r.l. o s.p.a. potrebbe trovarsi a dover rispondere in proprio per sanzioni o risarcimento dei danni derivanti dallo svolgimento della propria attività.

Cosa è il fondo patrimoniale

Le esigenze di sicurezza di tutti questi imprenditori, che vorrebbero in qualche modo sottrarre ai rischi dell’attività d’impresa almeno una parte del loro patrimonio personale (prima di tutto la casa di abitazione principale, e magari anche la seconda casa), possono essere soddisfatte con lo strumento del fondo patrimoniale.

Il fondo patrimoniale non è una novità, infatti la legge lo prevede da molto tempo, ma è stato riscoperto solo negli ultimi anni, e ha avuto una crescente diffusione. E’ un istituto previsto dal codice civile nell’ambito dei regimi patrimoniali della famiglia, insieme alla comunione legale e alla separazione dei beni, e infatti è destinato a tutelare le esigenze della famiglia. Da qui deriva la principale limitazione al suo utilizzo: per costituire un fondo patrimoniale occorre essere sposati. In questo ambito le coppie di fatto non sono prese in considerazione dalla legge.

Gli imprenditori celibi (o nubili) non hanno alcuna possibilità di utilizzare questo strumento, e devono quindi trovare un’altra soluzione alle esigenze di tutela del patrimonio personale. Per chi è sposato, invece, il fondo patrimoniale può essere una valida soluzione alle esigenze di tutela del patrimonio personale, e infatti negli ultimi anni la diffusione del fondo patrimoniale è in costante aumento, non solo tra gli imprenditori ma anche tra i liberi professionisti, che possono in questo modo tutelarsi contro i rischi della propria attività.

Da chi può essere costituito il fondo patrimoniale

Il fondo patrimoniale può essere costituito da uno dei coniugi o da entrambi, destinando determinati beni immobili, beni mobili registrati (autoveicoli, imbarcazioni, aeromobili) o titoli di credito a far fronte ai bisogni della famiglia.

Questi bisogni comprendono, oltre alle necessità primarie, anche il mantenimento del tenore di vita  liberamente scelto dai coniugi. Il fondo potrebbe essere costituito persino da un’altra persona, diversa dai coniugi, ma a beneficio di questi e dei loro figli, ma è una possibilità che trova poco riscontro nella pratica. Normalmente, infatti, i beni costituiti in fondo patrimoniale appartengono ai due coniugi, oppure a uno solo di essi.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Stai leggendo Debiti ed attività d’impresa – il fondo patrimoniale Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il 13 ottobre 2008 Ultima modifica effettuata il 21 aprile 2014 Classificato nelle categorie responsabilità patrimoniale socio, trust e fondo patrimoniale Etichettato con tag , , , , . Archiviato nella sezione tutela del debitore » trust e fondo patrimoniale Numero di commenti e domande: 22 Clicca qui per inserire un commento o porre una domanda

Approfondimenti e integrazioni

Commenti e domande dei lettori

  • Devi essere loggato per poter inserire un commento o un quesito.
  • AZZARITI 19 maggio 2012 at 20:09

    Buongiorno volevo ringraziarvi per l’ottimo servizio che prestate con il presente sito-forum. Colgo l’occasione per farvi una – più domende, ma devo necessariamente fare alcune premesse per farvi capire bene tutta la situazione. Sono un ex imprenditore, purtroppo la mia vita professionale e non solo lei, negli ultimi 10 anni non è andata bene. Purtroppo ho accumulato centinaia di migliaia di euro di debiti con l’erario. o pagavo i dipendenti o pagavo le tasse. Sta di fatto che ero coniugato in regime di separazione dei beni. Ho un figlia ultra maggiorenne. Non ho mai avuto proprietà immobiliari e mobiliari, per non mettere a rischio la mia famiglia da eventuali rischi imprenditoriali. Quindi quando comprammo casa, tantissimi anni fa, la intestai alla mia ormai ex moglie ( sono separato non divorziato ). in seguito a tutti problemi sopraggiutnti arrivò anche la separazione. Lei , lamia ex moglie, prese la sua strada e io la mia, pur restando a stretto contatto. Lei si aprì un piccola azienda ( sas ) e anche quella per motivi legati alla crisi e non solo, non andò bene. Fu messa in liquidazione e quindi chiusa, cancellandola dall’albo delle imprese. Lasciando però anche in questa cirostanza debiti con il fisco. Evidentemente la vita impreditoriale non era fatta per noi. Mi moglie decide di vendere casa e trasferirsi in un altra città acquistandone un’altra, ma intesta a nome di nostra figlia- ( CON MUTO AL 100% ). Da qui la decisione di fare atto presso uno studio notarile ( fondo patrimoniale ) per non rischiare eventuali ritorsioni da parte del creditore più temuto ( il fisco ). Leggendo i vostri consigli in merito al FONDO PATRIMONIALE, sembrerebbe che non si può fare o meglio non avrebbe alcuna efficacia, laddove l’intestario dell’immobile non sia sposato. Mia figlia pur essendo maggiorenne non è sposata. Quindi quale piega potrebbe prendere tutta la vicenda ? Grazie

    • Giorgio Martini 19 maggio 2012 at 20:33

      Difficile rispondere alla sua domanda. Molti aspetti della vicenda di cui riferisce sono poco chiari. Non si comprende l’esigenza di un fondo patrimoniale per un soggetto che non è garante. Nè si capisce come il notaio abbia costituito un fondo patrimoniale per un soggetto celibe.

      Comunque, se vuole apportare le necessarie precisazioni, la invito a servirsi del forum.

1 13 14 15

.