Il Fondo di Prevenzione anti usura non viene alimentato da due anni - Sarebbe anche ora di rifinanziarlo!

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

Il Fondo di Prevenzione usura non viene alimentato da due anni". A lanciare l'allarme è l'Ambulatorio Antiusura Onlus di Roma che chiede che il fondo venga rifinanziato al più presto. "Negli ultimi due mesi, con l'aggravarsi delle condizioni sociali ed economiche delle famiglie romane - spiega l'avvocato Luigi Ciatti, presidente dell'associazione - le richieste di soccorso pervenute all'Ambulatorio Antiusura sono raddoppiate".

L'Ambulatorio conferma in sostanza quanto detto dall'assessore provinciale alla lotta all'usura Visintin in un'audizione al Senato alcuni giorni fa secondo il quale "tra le città d'Italia più colpite dall'usura c'è la Capitale dove nel 2008 le famiglie hanno conquistato il primato dell'indebitamento".

"Oggi più che mai, di fronte al grido d'aiuto delle famiglie italiane - si legge nella nota diffusa dall'Ambulatorio Antiusura Onlus di Roma - l'impegno istituzionale deve essere massimo e le risorse dedicate al sostegno del disagio economico devono essere immediatamente reintegrate.

Il rischio è quello di non poter più offrire ai cittadini un concreto aiuto e un efficace strumento di prevenzione del fenomeno dell'usura". "Non intraprendere un percorso organico per la prevenzione e la cura dell'insorgenza del disagio finanziario - conclude l'avvocato Ciatti - significa spingere i cittadini sovraindebitati nelle braccia degli usurai

22 marzo 2009 · Simone di Saintjust

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

debiti conoscerli per evitarli - contenuti obsoleti, z contenuti obsoleti (no flag)

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 2

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca