Il denaro

Cosa è il denaro

Il denaro è un utile strumento economico, che può essere utilizzato come mezzo di scambio o di pagamento, unità di conto, riferimento per pagamenti dilazionati e riserva o misura di valore. Ma, da utile mezzo il denaro può diventare fine, da servo può farsi padrone, crediamo di maneggiarlo ed invece ci può manipolare, crediamo di usarlo ed invece ci usa, crediamo di muoverlo ed invece ci fa muovere,... anzi trottare; si crede di possederlo ed invece ci può possedere. Inoltre lo si è caricato di tali aspettative che spesso ci rendiamo conto che ha sorpassato i valori della vita.

I teologi, cristiani e mussulmani, rimasero impressionati dalla capacità di possessione del denaro e dalle devastazioni che può compiere nell'animo umano. Più laicamente i marxisti più ortodossi lo dannarono perché sarebbe stato ‘lo strumento per appropriarsi del lavoro altruì . Gli psicoanalisti lo apparentarono allo sterco, per il piacere che se ne può trarre sia nell'espellerlo che nel ritenerlo. Ma se è sterco è uno sterco molto speciale, trascendente e metafisico: è, per dirla con Lutero, lo sterco del Demonio.

Tradizionalmente le funzioni del denaro sono quattro:

  1. Misura del valore;
  2. Intermediario nello scambio;
  3. Mezzo di pagamento;
  4. Deposito di ricchezza.

Esiste una regola: “Il denaro genera denaro”. E più circola, più il denaro si moltiplica. E più si moltiplica, più si allontana dalla realtà economica degli uomini, eppure acquista forza e potere. Della gran massa di denaro e quasi-denaro circolante solo un'infima parte riguarda la vita reale degli uomini, la loro economia quotidiana. Della torta finanziaria solo le briciole raggiungono le tasche dei cittadini.

Le banconote esistenti in tutto il mondo sono un'infinitesima parte del denaro scritturale e del quasi-denaro in circolazione. In Italia, a fronte di poco più di centomila miliardi di banconote in circolazione, ci sono debiti (o crediti) bancari per oltre 1.200.000 miliardi di vecchie lire.

Il denaro si sta trasformando sempre più in una promessa di pagamento, slegata da una effettiva produzione di beni e fine a se stessa ad uso della speculazione in tempo reale. L'informatizzazione dei sistemi di comunicazione ha offerto il trampolino di lancio definitivo per il denaro virtuale e la sua vorticosa autogenerazione; e i consumatori devono stare molto attenti a non rimanere esclusi (si pensi agli anziani) oppure vittime (le fasce meno abbienti) di questo processo rivoluzionario che comporterà un concetto sempre più astratto del valore del denaro e l'uso di sistemi tecnologici sempre più sofisticati.

Per porre una domanda sul denaro, sugli  assegni, sulle cambiali, su altri strumenti di pagamento e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

7 dicembre 2007 · Ornella De Bellis

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità o per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il denaro. Clicca qui.

Stai leggendo Il denaro Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 7 dicembre 2007 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria assegni cambiali e conti correnti - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca