Il denaro virtuale: le carte di credito

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Una tra le maggiori trasformazioni avvenute nell'utilizzo di sistemi di pagamento senza denaro contante è quello che riguarda la cosiddetta MONETICA. Nello specifico la “MONETICA” riguarda i sistemi di pagamento elettronici attraverso card plastificate a banda magnetica o dotate di chip.

In questo campo a grandi linee possiamo distinguere:

Il dato comune delle carte di pagamento è proprio la possibilità di usare il denaro “virtualmente” e il vantaggio per gli utenti è evidente in quanto permette di poter effettuare pagamenti di beni e servizi a distanza, senza maneggiare somme contanti, evitando file, perdite di tempo, ecc.

Occorre però che questi sistemi vengano conosciuti approfonditamente per evitare delle sgradite sorprese, perché ogni tipologia di card ha le sue caratteristiche e vigono regole particolari per i pagamenti a distanza. Inoltre, l'utilizzo non appropriato delle carte di credito o di debito può comportare seri problemi ed inconvenienti di varia natura.

Per porre una domanda su montetica, carte di credito,  altri strumenti di pagamento e tutti gli argomenti correlati clicca qui.

28 marzo 2010 · Ornella De Bellis

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.