CREDITO AL CONSUMO - BANCHE, ASSICURAZIONI, FINANZIARIE » L'INADEMPIMENTO DEL VENDITORE

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Nel caso di contratti di finanziamento legati ad acquisti di beni o servizi può capitare di avere a che fare con situazioni sgradevoli legate all'inadempimento del venditore mentre magari si è già iniziato a pagare le rate del finanziamento.

E' bene chiarire che in questi casi non è così automatica come si crede la possibilità di smettere di pagare le rate, soprattutto quando si ritiene, agendo così , di "sollecitare" il venditore (pensiero del tutto errato, considerando che il venditore è già stato totalmente pagato).

La regola da tener presente in questi casi -ragionevolmente cauta- è che il contratto di finanziamento si può mettere in discussione solo dopo aver ottenuto la risoluzione di quello di acquisto, a meno che non si riescano a trovare buoni accordi "amichevoli" con la finanziaria (per esempio la sospensione delle rate in attesa che il problema con il venditore si risolva).

Ciò , in ogni caso, solo se il contratto di finanziamento è collegato a quello di acquisto, ovvero se vi sono specifiche convenzioni tra il venditore e la finanziaria (e sul contratto, come prevede la legge, vi è la descrizione del bene e il suo prezzo).

Il primo obiettivo è sempre quello di cercare di risolvere il problema direttamente col venditore, sollecitandolo nel modo dovuto all'adempimento del contratto (magari con l'invio di una messa in mora).

Riuscendo nell'intento non sarà necessario puntare alla risoluzione del contratto (soluzione estrema) nè -conseguentemente- coinvolgere il contratto di finanziamento.

La messa in mora al venditore (mettendo la finanziaria in copia conoscenza) è il primo passo consigliato.

A livello giudiziale (quindi arrivando alla causa) è bene sapere che la legge permette al consumatore di rifarsi sulla finanziaria nel caso in cui non si riesca in nessun modo ad ottenere soddisfazione dal venditore.

Ciò , sempre a condizione che il contratto di finanziamento sia collegato a quello di acquisto da convenzioni di esclusiva (codice del consumo articolo 42). I casi particolari vanno sempre valutati con l'aiuto di un legale, per capire bene cosa sia richiedibile ed in quali termini.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.