Come deve essere redatto un contratto di credito al consumo

Il contratto di concessione del credito al consumo deve essere Redatto per iscritto con consegna di una copia al consumatore, E deve contenere:

  1. Il nome della banca o della finanziaria e del consumatore che richiede il prestito.
  2. L'importo del prestito e la sua scadenza, le modalità di erogazione, l'entità, il Numero e la scadenza delle singole rate di ammortamento.
  3. Il tasso annuo nominale di interesse, l'eventuale facoltà di modificarlo, il dettaglio Analitico degli oneri applicati al momento della conclusione del contratto e le Condizioni che possono determinarne la modifica.
  4. Il Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) e le condizioni analitiche e dettagliate Secondo le quali è possibile modificarlo.
  5. Le eventuali coperture assicurative richieste. Le assicurazioni tese a garantire il pagamento del debito in caso di morte, invalidità o malattia del consumatore, Devono obbligatoriamente entrare nel calcolo del TAEG.
  6. L'importo e la causale degli altri oneri che non entrano nel calcolo del TAEG.
  7. Le garanzie richieste.
  8. Le modalità di recesso del contratto.

Sono nulle le clausole che rinviano agli usi.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su come deve essere redatto un contratto di credito al consumo.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.