Assicurazione rc auto e modulo cid » se le parti sono in disaccordo

Nel caso in cui le due parti non fossero d'accordo è possibile sottoscrivere il modulo utilizzando il campo osservazioni e grafico per descrivere la propria versione sulle modalità dell'incidente.

A questo punto è anche possibile richiedere l'intervento delle autorità competenti.

Sempre meglio scrivere data e luogo dell'incidente, generalità del conducente, tipo e targa del veicolo coinvolto, denominazione e numero di polizza dell'altra compagnia di assicurazione.

In questo caso, la richiesta di indennizzo va inoltrata alla compagnia di assicurazioni del mezzo responsabile.

È pertanto necessario richiedere a quest’ultimo, immediatamente dopo il sinistro, gli estremi della propria polizza.

Se il responsabile si rifiuta di collaborare e di fornire i propri dati, è sufficiente prendere nota della sua targa e rivolgersi al PRA (pubblico registro automobilistico) per sapere quale assicurazione lo copre.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , , , , , , , , , , ,

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assicurazione rc auto e modulo cid » se le parti sono in disaccordo. Clicca qui.

Stai leggendo Assicurazione rc auto e modulo cid » se le parti sono in disaccordo Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 15 aprile 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria sentenze della Corte Costituzionale Inserito nella sezione tutela consumatori del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca