Il favor fideiussoris

Il favor fideiussoris permea di sé una serie di norme che tendono ad evitare che il fideiussore si trovi a dover adempiere ad una obbligazione più onerosa e gravosa di quella che aveva voluto contrarre. In particolare le modifiche che comportano una riduzione del debito o, comunque, una minore onerosità o dilazioni più favorevoli si estendono automaticamente alla obbligazione fideiussoria, mentre le modifiche in peius del debito principale sono inopponibili al fideiussore. Lo stesso si può dire anche in tema di opponibilità del giudicato. E' pacifico, infatti, che il giudicato favorevole al debitore possa essere opposto dal fideiussore al creditore, se non fondato su ragioni personali del debitore. Nel caso di giudicato di condanna ottenuto dal creditore contro il solo debitore, questo non è opponibile al fideiussore, in quanto non esistendo un litisconsorzio necessario tra debitore e fideiussore, quest’ultimo resta terzo rispetto al giudizio.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.