Regola numero 1 » Controllo del comportamento di consumo

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Ogni persona fa riferimento a determinati modelli di comportamento che vengono acquisiti nel tempo mediante un processo d'apprendimento. In alcune situazioni essi determinano in maniera automatica la nostra condotta. A volte questo può comportare anche delle conseguenze negative, come ad es. quando si tengono comportamenti di consumo costosi che non collimano col bilancio preventivo a disposizione. Ciò, a lungo termine, rischia di ingenerare uno squilibrio tra entrate e spese. Quanto più le abitudini sono radicate tanto più sarà difficile adattarsi in modo flessibile ad una condizione di vita modificata e queste abitudini si trasformeranno in un peso nella vita quotidiana.

Perchè è così difficile cambiare il proprio comportamento di consumo?

I vecchi modelli di comportamento e le abitudini sono profondamente radicate in noi. Siamo esposti alla pressione dell'ambiente (famiglia, amici, conoscenti).

Di solito si ha paura della “discesa sociale”. Viene a mancare una cognizione della gestione del bilancio familiare e della programmazione delle proprie finanze. Si effettuano pagamenti non in contanti. Si cede alle offerte eccessive e alla pubblicità aggressiva. Ci si abbandona a piccolezze quotidiane e tentazioni. Si cade nelle trappole di denaro e di spesa (spese superflue).

Come posso esaminare il mio comportamento di consumo?

Indagando il proprio comportamento di acquisto è possibile creare un rapporto co­sciente e meditato con il denaro a vantaggio di tutta la famiglia. Redigere una lista di controllo delle spese fornisce a tal fine utili indicazioni:

Compro solo ciò che è scritto nella lista della spesa o beni in più?
Compro soltanto prodotti di marca?
Compro tutto quello che mi piace?
Decido in negozio cosa cucinare per oggi?
Tengo il riscaldamento accesso tutto il giorno affinché sia caldo quando ritorno a casa?
Arieggio con le finestre spalancate?
Ho un giorno fisso alla settimana per fare il bucato?
Telefono quando ne ho voglia, dato che non conosco gli orari con le tariffe più convenienti?

.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.