I canadesi sommersi dai debiti

TORONTO - Carta di credito, croce e delizia dei canadesi. Stando ad uno studio presentato ieri da Credit Canada e Capitol One, stanno aumentando in modo esponenziale i debiti accumulati dai canadesi. Nel rapporto, comunque, non si tiene conto della fetta più grossa del debito delle famiglie, ovvero quella costituita dai mutui accesi per la casa.

Gli esperti che hanno redatto lo studio sono andati a spulciare i conti dei canadesi, e quello che hanno trovato è quanto meno preoccupante. Se il 16 per cento della popolazione dichiara di non aver debiti di rilevante entità, il 13 per cento dei cittadini deve invece fare i conti con un rosso che va dai 10mila ai 20mila dollari.

Nulla in confronto alla via crucis che deve percorrere il 12 per cento della popolazione per far quadrare i conti: questa fetta della popolazione ha un debito che va dai 20mila ai 40mila dollari.

Il 9 per cento dei canadesi, invece, ha un buco in banca che va dai 100mila ai 200mila dollari. L'1 per cento della popolazione, infine, ha un debito davvero stratosferico, compreso tra i 300mila e i 500mila dollari.

14 novembre 2007 · Patrizio Oliva

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su i canadesi sommersi dai debiti. Clicca qui.

Stai leggendo I canadesi sommersi dai debiti Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 14 novembre 2007 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca