La multa – il ricorso al Prefetto al Giudice di Pace

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Il ricorso al Prefetto rappresenta uno strumento legislativo per poter chiedere la contestazione ed il conseguente annullamento del verbale relativo ad una sanzione amministrativa, ed in particolare ad una multa per violazione del Codice della Starda (CdS). Tale strumento, previsto dall'articolo 203 del Codice della Strada, è alternativo rispetto al ricorso dinanzi al Giudice di Pace ma non sostitutivo. Poiché il ricorrente può sempre, in caso di esito negato del ricorso al Prefetto, presentare ricorso innanzi al competete giudice di pace.

Termini di presentazione

Il ricorso al Prefetto va presentato entro il termine perentorio dei 60 giorni dalla contestazione o notifica della multa, a tal proposito bisogna leggere attentamente la data riportata sul timbro postale, sempre che non sia stato effettuato il pagamento in misura ridotta nei casi consentiti.

Il ricorso si presenta, in carta semplice, secondo le norme del Codice della Strada direttamente al Prefetto del luogo in cui è stata commessa la violazione con lettera raccomandata con ricevuta di ritorno; oppure all'ufficio o al comando che ha elevato la multa (ad esempio Comando dei Vigili Urbani, Polizia Stradale, Carabinieri ecc.).

Modalità di presentazione

Il ricorso può essere consegnato direttamente oppure inviato con raccomandata con ricevuta di ritorno.
In entrambi i casi si possono allegare i documenti ritenuti idonei a dimostrare la fondatezza del ricorso e può essere richiesta l'audizione personale.

I tempi del procedimento amministrativo sono i seguenti:

  1. Se il Prefetto riceve direttamente il ricorso, deve trasmetterlo entro 30 giorni all'ufficio o comando “l'organo accertatore” cui appartiene l'organo che ha elevato la multa, quest’ultimo, ricevuto il ricorso, ha 60 giorni per fare l'istruttoria ed è tenuto a trasmettere tutti gli atti al Prefetto, accompagnati dalle deduzioni tecniche utili ai fini del ricorso.
  2. Se il ricorso è stato presentato o inviato direttamente all'ufficio che ha elevato la multa, questo ha sessanta giorni di tempo per inoltrarlo al Prefetto, con le deduzioni di cui sopra.

Il Prefetto, ricevuto il dossier da parte dell'organo accertatore ed esaminati i documenti, sentiti gli interessati che ne abbiano fatto richiesta può respingere il ricorso ed emette entro centoventi giorni, che decorrono dalla data di ricezione degli atti da parte dell'ufficio che ha elevato la multa, un'ordinanza motivata con la quale ingiunge il pagamento di una somma non inferiore al doppio della sanzione minima per la violazione, più le spese del procedimento.

L'ingiunzione di pagamento deve essere notificata al cittadino entro 150 giorni dalla data di emissione dell'ordinanza stessa.

Si rileva, che se nel ricorso si richiede d'essere ascoltati dal Prefetto, il termine di 120 giorni si interrompe con la notifica dell'invito a presentarsi ed in questo caso i tempi possono essere ulteriormente differiti.

Ricorso al Giudice di Pace avverso l'ordinanza di ingiunzione

In caso di esito negativo, è sempre possibile presentare ricorso avverso l'ordinanza di ingiunzione di pagamento al Giudice di Pace del luogo in cui è avvenuta la violazione del Codice della Strada. In quest’ultimo caso il ricorso deve essere presentato entro il termine di 30 giorni dalla notifica dell'ordinanza-ingiunzione.

In caso si esito positivo, invece il Prefetto accoglie il ricorso, nello stesso termine di centoventi giorni, e dispone l'archiviazione degli atti, comunicandola all'ufficio o comando cui appartiene l'organo accertatore, il quale ne dà notizia ai ricorrenti.

L'ordinanza che dispone il pagamento deve essere notificata all'autore della violazione ed alle altre persone che sono tenute al pagamento entro centocinquanta giorni dalla sua adozione; il pagamento della somma e delle spese deve essere effettuato entro trenta giorni dalla notifica.

Il ricorso si intende accolto decorsi centoventi giorni senza che sia stata adottata l'ordinanza del prefetto e comunque decorsi 210 giorni dalla ricezione del ricorso da parte del Prefetto se gli è stato inviato direttamente.

Il termine dei 210 giorni complessivamente previsto per l'emissione del provvedimento prefettizio è dato dal combinato disposto di cui agli articoli 203 e 204 Cds (gg. 30+180.) Mentre il termine dei 180 giorni per emettere l'ordinanza-ingiunzione è previsto se il ricorso al Prefetto è stato inviato attraverso l'ufficio o il comando che ha elevato la multa.

Motivazioni che giustificano il ricorso al Prefetto

I motivi per un ricorso al Prefetto ex articolo 203 C.d.S. possono essere tanti, alcuni sono i seguenti:

  1. mancata dimostrazione e carenza della corretta funzionalità del dispositivo elettronico;
  2. difetto di titolarità della Polizia municipale;
  3. mancanza di prova in ordine alla corretta taratura della strumentazione utilizzata;
  4. omessa indicazione dei motivi che hanno reso impossibile la contestazione immediata;
  5. tardiva notifica del verbale di contestazione (Il verbale di contestazione deve essere notificato entro 150 giorni dal giorno della contestazione);
  6. i dati anagrafici del proprietario del veicolo non corrispondono a quelli indicati nella contravvenzione;
  7. omessa indicazione del luogo, giorno ed ora della commessa violazione;
  8. omessa indicazione della norma violata.

Conclusioni

In conclusione, si consiglia, prima di redigere e presentare un ricorso al Prefetto, di leggere attentamente il verbale di contestazione della violazione e fare un breve ricerca giurisprudenziale (su internet, manuali, testi ecc.) con l'individuazione delle sentenze più favorevoli al caso specifico.

Dott. Ruggiero Marzocca da Diritto.it

Per porre una domanda su multe e ricorsi al Prefetto ed al Giudice di Pace, sui moduli necessari e su cartelle esattoriali originate da multe clicca qui.

23 ottobre 2008 · Giuseppe Pennuto

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Tiziana 30 gennaio 2010 at 19:59

    Questa mattina alle ore 8.55 ho parcheggiato in parcheggio a pagamento su strada dove l'obbligo di pagamento inizia alle 8 del mattino e ho regolarmente pagato il biglietto fino alle ore 13.06. Ebbene alle ore 10.30 mi è stata fatta una multa per mancato pagamento del parcheggio. Nella motivazione era indicato che il biglietto era posizionato male, si leggeva il giorno ma non l'orario. Che possibilità ci sono che un mio eventuale ricorso venga accettato? Ho naturalmente conservato il biglietto.

1 5 6 7