Decurtazione punti patente - importo minimo della sanzione pecuniaria per omessa comunicazione dei dati del conducente

Come abbiamo visto, il proprietario del veicolo cui viene notificato un verbale di infrazione che comporta la decurtazione di punti della patente è di fronte a un bivio. Può comunicare i dati del trasgressore al momento dell'infrazione, a cui verranno tolti punti. Oppure, può rassegnarsi pagare un "obolo" supplementare, che sanziona proprio l'omessa comunicazione dei dati del conducente.

Ed ecco la batosta: l'importo minimo (edittale) di questa sanzione aggiuntiva è schizzato addirittura a 284 euro. Così dal 1° gennaio 2013, in virtù degli aumenti per quasi tutte le sanzioni amministrative, che scattano ogni biennio dal 2005.

Si era partiti da 250 euro nel 2003, per poi sfondare il muro dei 280 euro nel 2013. Ai 284 euro di cui si diceva, vanno poi aggiunte le spese di notifica della sanzione aggiuntiva: una ventina di euro, se non di più, visto che pure le notifiche sono rincarate.

Briciole di pane - navigare a ritroso nelle sezioni

debiti origine conseguenze tutele
origine dei debiti
multe verbale infrazione notifica
contenzioso ricorso opposizione al verbale di multa
la multa – istanza di contestazione e di riattribuzione dei punti decurtati dalla patente

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su decurtazione punti patente - importo minimo della sanzione pecuniaria per omessa comunicazione dei dati del conducente. Clicca qui.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 2 3 4

Altri contenuti suggeriti da Google

Struttura del sito ed altre info