False riabilitazioni dei protesati al tribunale di roma - 20 milioni di euro il giro di affari, 12 arrestati, 450 denunciati a piede libero un sofisticato sistema per ‘

  • rosario lucisano 11 febbraio 2010 at 11:03

    False riabilitazioni dei protesati al tribunale di Roma - 20 milioni di euro il giro di affari, 12 arrestati, 450 denunciati a piede libero

    Un sofisticato sistema per ‘riabilitarè debitori protestati, privi dei necessari requisiti, è stato scoperto dalla Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Roma. L'operazione ha portato le Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Tributaria, ad arrestare 12 persone ed eseguire decine di perquisizioni nelle abitazioni degli indagati e nelle sedi di numerose società . Oltre 450 persone sono state denunciate per reati che vanno dal falso ideologico commesso dal privato in atto pubblico, al falso ideologico commesso dal pubblico ufficiale, alla corruzione, all'omissione d'atti d'ufficio e alla rivelazione di segreti d'ufficio. L'ammontare complessivo delle somme in protesto, per le quali è stata indebitamente richiesta e ottenuta la riabilitazione, si aggira intorno ai 20 milioni di euro.

    Gli arrestati, che avevano costituito una vera e propria organizzazione criminale, si occupavano di ricostruire la posizione dei soggetti protestati, consentendogli in tal modo di ottenere illecitamente la riabilitazione. Il tutto era reso possibile grazie alla produzione di falsa documentazione che attestava inesistenti requisiti soggettivi ad opera di compiacenti funzionari pubblici in servizio presso alcuni municipi Capitolini e il Tribunale Civile di Roma. Qui, in particolare, operava un cancelliere, oggi in pensione, che assicurava l'emissione dei decreti di riabilitazione.

    Il meccanismo illecito ha, nel tempo, determinato una grande confluenza, sulla Capitale, di istanze di riabilitazione di soggetti protestati provenienti da tutto il territorio nazionale. L'indebita ricostruzione della posizione soggettiva dei protestati si perfezionava mediante: la falsa attestazione della residenza dei protestati a Roma; la formazione di dichiarazioni sostitutive firmate da ignari creditori attestanti l'avvenuto pagamento dei titoli protestati; la produzione di falsi titoli di credito (assegni e cambiali); la formazione di artefatte levate di protesto recanti false firme di notai e inesistenti numeri di repertorio.

1 4 5 6

Torna all'articolo

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info