Come contrastare la diffusione delle banche dati occulte dei cattivi pagatori

Bisogna, prima di firmare qualsiasi accordo transattivo a saldo e stralcio:

1) ottenere dal creditore, come previsto dalla legge,  gli estremi identificativi della società a cui sono stati comunicati i  dati per la gestione  del rischio di credito, società che può essere diversa in relazione  alla particolare tipologia del contratto di finanziamento sottoscritto;

2) evitare, per quanto possibile, che nella liberatoria da consegnare al gestore dell'elenco dei cattivi pagatori (CRIF, Experian, CTC, Assilea)  si faccia qualsiasi riferimento alle modalità dell'accordo transattivo. Non bisogna mai indicare gli  importi corrisposti a saldo e stralcio delle posizioni debitorie pregresse. E' necessario  ottenere dal creditore (deve costituire condizione "sine qua non" per la firma dell'accordo) una liberatoria in cui sia assente qualsiasi accenno alle modalità di estinzione del debito ( accordo a saldo e stralcio)  ma si dichiari unicamente l'avvenuta regolarizzazione del pagamento del debito.

3) inviare subito, con raccomandata AR, la notifica dell'accordo raggiunto a chi gestisce i propri dati di cattivo pagatore (si veda punto 1);

4) trascorsi due anni dalla notifica effettuata come indicato al punto precedente, chiedere l'immediata cancellazione dall'elenco dei cattivi pagatori.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su come contrastare la diffusione delle banche dati occulte dei cattivi pagatori. Clicca qui.

Stai leggendo Come contrastare la diffusione delle banche dati occulte dei cattivi pagatori Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 8 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 26 dicembre 2016 Classificato nella categoria diritti del debitore Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca