La realtà è un'altra - le banche dati occulte dei cattivi pagatori

La realtà  è invece un'altra: pare che molte finanziarie dispongano di  archivi “occulti”, dove i dati rimangono per sempre.

Comunque, a parte questi aspetti ancora tutti da verificare - e quindi da trattare con la necessaria cautela - è certo che le società private che gestiscono gli elenchi informatici dei cattivi pagatori (CRIF, Experian, CTC, Assilea ecc. ) sono sempre pronte ad appigliarsi al cavillo, al pretesto formale, pur di negare al debitore la cancellazione del proprio nominativo da quegli elenchi infamanti, vere e proprie liste di proscrizione. Infatti, i dati storici dei cattivi pagatori costituiscono materia prima per queste società, merce di scambio pagata a peso d'oro da banche e finanziarie, fonte di lucro tollerato, con troppa generosità, dai nostri legislatori.

E così capita magari che, dopo un accordo transattivo a saldo e stralcio, il debitore si veda negata la legittima (e sudata)  cancellazione dall'elenco dei cattivi pagatori. La società che gestisce l'archivio dei cattivi pagatori ritiene, peraltro arbitrariamente, che l'accordo transattivo non sostanzia un pagamento regolare del debito, non essendo stata corrisposta l'intera cifra capitale dovuta, maggiorata degli interessi legali e moratori contrattualmente previsti.

Ma figuriamoci: il creditore si ritiene soddisfatto dall'accordo transattivo raggiunto, firmando la liberatoria, e la società che gestisce i dati del cattivo pagatore no!

In sostanza l'accordo transattivo non viene considerato come un rimborso del debito, ma un attestato di morosità e sofferenze non sanate e pertanto passibile di un'attesa di altri 36 mesi dalla data in cui avviene l'aggiornamento dei dati (vedere tabella).

Ma, non erano 24 i mesi di purgatorio che dovevano trascorrere dalla firma dell'accordo transattivo? E, ammesso pure  che debbano essere 36, per quale motivo il debitore deve attendere altri 36 mesi d'inferno e non  i residui 12 , come porterebbero a concludere elementari operazioni aritmetiche? La risposta fornita è semplice:  nessuno ha mai comunicato al depositario dei dati relativi al finanziamento (CRIF, Experian, CTC, Assilea ecc.) la sottoscrizione dell'accordo a saldo e stralcio fra debitore e creditore. Ed allora la data da cui decorrono gli ulteriori 36 mesi che deve attendere l'inconsapevole debitore per vedere sancito il proprio diritto all'oblio  è proprio quella   in cui - dopo due anni dalla firma dell'accordo - egli stesso, ritenendo  di poter ottenere la cancellazione dei dati che lo riguardano, presenta l'istanza di cancellazione.

Morale della favola:  il povero debitore, dopo aver atteso due anni dalla data in cui ha ottenuto la liberatoria  dal creditore, presenta l'istanza di cancellazione e se la vede respinta. Il gestore degli elenchi gli riferisce che per veder cancellato il proprio nominativo, egli  dovrà attendere altri tre anni, da quel giorno.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la realtà è un'altra - le banche dati occulte dei cattivi pagatori.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Marzia Ciunfrini 14 maggio 2012 at 06:54

    I SIC - sistemi di informazioni creditizie - sono delle banche dati che raccolgono e gestiscono informazioni relative a richieste e rapporti di credito di cui sono parte enti finanziari ( banche e società finanziarie). Esse sono meglio conosciute al pubblico con il termine di Centrali Rischi.

    Gli enti finanziari, che partecipano al sistema su base volontaria o obbligatoria (vedasi CR - Centrale Rischi e SIA della Banca d'Italia) forniscono alle Centrali Rischi i dati relativi ai rapporti di credito della propria clientela e, per contro, vi accedono per conoscere la storia creditizia di quanti chiedano loro un finanziamento.

    Sulla base delle informazioni così rilevate (entità degli importi richiesti, puntualità o ritardi nei pagamenti, livello di indebitamento), gli enti finanziari valutano la solvibilità e l'affidabilità dei soggetti censiti, finanziando solamente quanti offrano maggiori garanzie circa la restituzione dell'importo erogato e gestendo in questo modo il rischio connesso all'attività creditizia. E, in pratica, stilando quelli che vengono solitamente indicati come elenchi di cattivi pagatori.

1 2