Ricorso tributario - Costituzione in giudizio della parte ricorrente

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Il ricorrente, entro 30 giorni dalla proposizione del ricorso (articolo 22, decreto legislativo numero 546/92), deve depositare o spedire per posta, in plico raccomandato senza busta con avviso di ricevimento, presso la segreteria della Commissione Tributaria Provinciale il ricorso notificato, o copia del ricorso consegnato o spedito per posta, con fotocopia della ricevuta del deposito o della spedizione postale per raccomandata.

Il mancato rispetto del termine costituisce causa di inammissibilità, rilevabile d'ufficio in ogni stato e grado del processo.

In caso di consegna o spedizione postale il ricorrente deve attestare, a pena di inammissibilità, la conformità dell'atto depositato a quello consegnato o spedito.

Insieme al ricorso e ai documenti previsti (articolo 22, comma 1, decreto legislativo numero 546/92), il ricorrente deve depositare presso la segreteria della Commissione Tributaria il proprio fascicolo, contenente l'originale o la fotocopia dell'atto impugnato, se notificato, e i documenti che intende produrre in originale o in fotocopia. In caso di eventuali contestazioni sugli atti o documenti prodotti in fotocopia, il giudice ordina l'esibizione degli originali.

Le disposizioni relative alla costituzione in giudizio del ricorrente si applicano anche alla costituzione in giudizio dell'appellante.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.