Ricorso - parti del processo tributario

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Sono parti del processo tributario: il ricorrente, l'ufficio finanziario o l'ente locale o il concessionario del servizio della riscossione che ha emanato l'atto impugnato o non ha emanato l'atto richiesto (articolo 10, decreto legislativo numero 546/92).

Il ricorrente è l'autore del ricorso, inteso come colui che rappresenta al giudice tributario l'esistenza di un diritto soggettivo leso da un provvedimento emesso nei suoi confronti in materia tributaria o dal comportamento (ad esempio, il silenzio) adottato rispetto a una sua richiesta.

La parte resistente deve essere indicata dal ricorrente con precisione: tale indicazione è requisito di ammissibilità del ricorso (articolo 18, comma 2, lettera c, decreto legislativo numero 546/92).

Per la valida instaurazione del processo è necessario che la parte abbia la capacità di stare in giudizio, come stabilisce l'articolo 75 del codice di procedura civile. Le parti diverse dall'ufficio finanziario o dall'ente locale possono stare in giudizio anche mediante procuratore generale o speciale.

La procura deve risultare da atto pubblico o scrittura privata autenticata. Nei casi in cui il procuratore sia il coniuge o un parente o affine entro il quarto grado della parte, la procura può risultare anche da scrittura privata non autenticata, purché sia conferita ai soli fini della partecipazione all'udienza pubblica.

L'ente locale nei cui confronti è proposto il ricorso può stare in giudizio mediante l'organo di rappresentanza, il dirigente dell'ufficio tributi, ovvero, per gli enti locali privi di figura dirigenziale, mediante il titolare della posizione organizzativa in cui è collocato detto ufficio.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca