Sentenza del processo tributario

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

La sentenza è l'atto conclusivo del processo tributario.

E' pronunciata in nome del popolo italiano ed è intestata alla Repubblica italiana e deve contenere:

- l'indicazione della composizione del collegio, delle parti e dei loro difensori;
- la breve esposizione dello svolgimento del processo;
- le richieste delle parti;
- la sintetica esposizione dei motivi di fatto e di diritto;
- il dispositivo.

La Commissione Tributaria dovrà giudicare nei limiti e nell'ambito delle domande e delle eccezioni di parte. La sentenza deve contenere la data della deliberazione e deve essere sottoscritta dal Presidente e dal giudice estensore.

La mancanza di questi elementi comporta la nullità insanabile, rilevabile d'ufficio. La sentenza emessa dalla Commissione Tributaria è pubblicata nel testo integrale originale, mediante deposito in segreteria, entro 30 giorni dalla deliberazione.

L'avvenuto deposito è certificato dal segretario, che appone la propria firma e la data sulla sentenza.

Il dispositivo della sentenza è comunicato alle parti a cura della segreteria entro 10 giorni dall'avvenuto deposito.

E' disponibile una banca dati delle massime delle sentenze delle Commissioni Tributarie.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.