Il piano Garanzia Giovani per combattere la disoccupazione giovanile

Il progetto garanzia giovani » La guida al programma contro la disoccupazione giovanile

La Garanzia Giovani (Youth Guarantee) è il Piano Europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile. Con questo obiettivo sono stati previsti dei finanziamenti per i Paesi Membri con tassi di disoccupazione superiori al 25%, che saranno investiti in politiche attive di orientamento, istruzione e formazione e inserimento al lavoro, [ ... leggi tutto » ]

La fase di accoglienza nel piano garanzia giovani

In questa prima fase, presso lo sportello che verrà indicato dalla propria Regione, si verrà subito informati sui contenuti e sui servizi previsti dal Programma in ambito regionale. L’operatore ha il compito di fornire tutte le informazioni nel modo più chiaro possibile per facilitare l’orientamento rispetto ai servizi disponibili. [ ... leggi tutto » ]

La fase di orientamento nel piano garanzia giovani

Dopo una prima fase informativa di accoglienza, inizia l'orientamento vero e proprio. Presso il servizio competente che è stato assegnato dalla Regione, si svolge un colloquio individuale con un operatore, il quale è in grado di capire le esigenze, i bisogni e le necessità del giovane. Al termine del [ ... leggi tutto » ]

La fase di formazione nel progetto garanzia giovani

La formazione è uno strumento fondamentale per acquisire maggiori conoscenze e competenze immediatamente spendibili nel mercato del lavoro. Per competere in un ambiente contraddistinto da cambiamenti sostanziali e continui, è fondamentale acquisire un bagaglio culturale e personale che aiuti ad entrare in maniera qualificata e qualificante nel mondo del [ ... leggi tutto » ]

La fase di apprendistato nel programma garanzia giovani

L'Apprendistato è un contratto di lavoro assimilabile a un contratto a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione, all'occupazione e al primo inserimento lavorativo: l'azienda è obbligata a trasmettere le competenze pratiche e le conoscenze tecnico-professionali attraverso un'attività formativa che va ad aggiungersi alle competenze acquisite in ambito scolastico/universitario/di ricerca. Si [ ... leggi tutto » ]

La fase di tirocinio nel programma garanzia giovani

Il tirocinio permette di fare una vera esperienza in azienda e ha una durata di 6 mesi (12 mesi nel caso di disabili o svantaggiati ai sensi della legge 381/91). Tali limiti di durata possono essere estesi in conformità a quanto previsto dalle Linee Guida nazionali sui tirocini. I [ ... leggi tutto » ]

Il piano del servizio civile volontario nell'ambito del progetto garanzia giovani

Il Servizio Civile Nazionale Volontario è stato istituito per favorire la realizzazione dei principi costituzionali di solidarietà sociale, partecipare alla salvaguardia e tutela del patrimonio della Nazione e per contribuire alla formazione civica, sociale, culturale e professionale. Il servizio civile, quindi, permette di fare un'esperienza formativa di crescita civica [ ... leggi tutto » ]

La fase di sostegno all'autoimprenditorialità nel progetto garanzia giovani

La fase di sostegno all'autoimprenditorialità nel progetto garanzia giovani. Per i giovani fino a 29 anni, sono previsti servizi in grado di rispondere ai diversi bisogni in fase di startup e nelle fasi successive, favorendo l'accesso a incentivi per la creazione di impresa (ad esclusione del contributo a fondo [ ... leggi tutto » ]

La mobilità professionale transnazionale e territoriale nel progetto garanzia giovani

Il Programma incoraggia la mobilità dei giovani lavoratori in Italia e negli altri paesi dell'Unione Europea attraverso un voucher che copre i costi di viaggio e alloggio per la durata di 6 mesi. Se interessati, è possibile rivolgersi al Servizio Per l'Impiego per avere: informazioni sulle possibilità di lavoro [ ... leggi tutto » ]

I bonus per le aziende nel programma garanzia giovani

Per promuovere l'inserimento occupazionale dei giovani, la Garanzia Giovani prevede delle agevolazioni per le imprese che assumono. Sono previste diminuzioni del costo del lavoro per specifiche tipologie contrattuali, in modo da supportare economicamente l'ingresso e la stabilizzazione nel mercato del lavoro. Il Decreto Direttoriale 1709 dell'8 agosto 2014 disciplina [ ... leggi tutto » ]