La fase di apprendistato nel programma garanzia giovani

L'Apprendistato è un contratto di lavoro assimilabile a un contratto a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione, all'occupazione e al primo inserimento lavorativo: l'azienda è obbligata a trasmettere le competenze pratiche e le conoscenze tecnico-professionali attraverso un'attività formativa che va ad aggiungersi alle competenze acquisite in ambito scolastico/universitario/di ricerca.

Si può usufruire di questa misura se si rientra nella fascia d'età 15-29 anni.

Esistono tre tipi di Apprendistato:

  • Apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale
  • Apprendistato professionalizzante o Contratto di mestiere
  • Apprendistato per l'Alta formazione e la Ricerca

La durata minima del periodo di formazione in Apprendistato è di 6 mesi. Il proprio livello di inquadramento contrattuale non potrà essere inferiore di due livelli rispetto a quello del lavoratore che svolge la stessa mansione.

Al termine del periodo di Apprendistato, l'impresa stabilirà se proseguire il rapporto di lavoro oppure recedere, fornendo il preavviso secondo i termini stabiliti dal contratto collettivo.

L'apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale permette di acquisire una qualifica professionale triennale - valida anche ai fini dell'assolvimento dell'obbligo di istruzione - o un diploma professionale.

Per seguire questo percorso formativo bisogna avere tra i 15 ed i 25 anni. La durata del contratto dipende dalla qualifica o dal diploma da conseguire, ma non può comunque superare i 3 anni (4 nel caso di diploma quadriennale regionale).

La convenienza per l'azienda sta nell'abbassamento del costo del lavoro. L'interessato percepirà un'indennità di partecipazione di circa 2.000 euro se è minorenne e 3.000 se è maggiorenne (su base annua), che può variare in alcune Regioni.

La formazione può essere erogata all'interno dell'impresa, presso Organismi di formazione accreditati alla formazione in ambito regionale o Istituti professionali di Stato.​

L'apprendistato professionalizzante, o contratto di mestiere, se si ha tra i 18 ed i 29 anni, permette di imparare un mestiere attraverso la formazione sul lavoro. Allo stesso tempo consente di conseguire una qualifica professionale. Se già la si possiede, il contratto può essere stipulato anche a partire dal 17° anno di età.

La durata del contratto non deve essere superiore ai 3 anni (5 per gli artigiani). Anche in questo caso è previsto un incentivo per l'azienda. All'interessato, invece, viene corrisposto un vero e proprio stipendio (non corrisposto nell'ambito della Garanzia Giovani).

Infine, l'apprendistato per l'alta formazione e la ricerca, se si ha tra i 18 (17 se si è in possesso di diploma di qualifica professionale) e i 29 anni, permette, grazie alla collaborazione tra imprese, istituzioni scolastiche ed Università, di lavorare e al contempo:

  • conseguire un diploma di istruzione secondaria superiore, una laurea, un master o un dottorato di ricerca
  • svolgere attività di ricerca e di praticantato per l'accesso alle professioni che hanno un ordine professionale o per esperienze professionali
  • acquisire il Certificato di Specializzazione Tecnica Superiore

La durata del contratto è variabile, sulla base del titolo di studio da conseguire.

Sono previsti incentivi alle aziende per le assunzioni e contributi per la formazione.

È inoltre possibile attivare un contratto di Apprendistato di Ricerca non finalizzato al conseguimento di un titolo di studio.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la fase di apprendistato nel programma garanzia giovani.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.