Come utilizzare il BANCOMAT per evitare la clonazione della carta

Seguite i consigli elencati di seguito:

  • Cercate di prelevare sempre alla stessa apparecchiatura Bancomat;
  • quando vi recate a prelevare, osservate il Bancomat e fate attenzione ad eventuali “segnali” anomali, alla presenza di qualcosa di diverso dal solito. Ad esempio, potreste trovare una tasca laterale che prima non c'era contenente avvisi pubblicitari;
  • dove inserite la carta del bancomat un filo che esce o una sporgenza;
  • visto che può essere stata apportata una “miglioria”, oppure quello che appare un inconveniente è qualcosa di insignificante, chiedetene conferma alla banca; se questa è chiusa, lasciate stare e recatevi presso un altro Bancomat;
  • mentre digitate il codice segreto con una mano, coprite la tastiera sulla quale state digitando il codice con l'altra mano o con fogli posti a pochi centimetri nella parte superiore;
  • se avete digitato correttamente il codice segreto per il prelevamento al Bancomat, ma il computer vi dice che è errato, non insistete. Provate su un altro sportello Bancomat e ricordate che avete tre tentativi in tutto; quindi tentate al massimo due volte, una su uno sportello ed una su un altro. Controllerete meglio quando sarete a casa;
  • fate attenzione a persone solerti che vogliono aiutarvi a prelevare: possono essere ladri!
  • Il codice segreto: cercate di tenerlo a mente; se lo trascrivete, non lo riportate su un oggetto che tenete nel portafoglio o portate con voi nella borsetta. I criminali lo sanno e riescono a trovarlo perché potrebbero avervi visto mentre prelevate al Bancomat e quindi sanno dove lo conservate.

27 agosto 2013 · Giovanni Napoletano

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su come utilizzare il bancomat per evitare la clonazione della carta.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Lorenzo Briotti 26 maggio 2008 at 16:40

    Cresce in Italia il rischio di vedere i propri dati personali e la propria identità utilizzati in maniera fraudolenta. Oggi, per essere vittima di furto di identità, ossia l'appropriazione indebita dei dati personali di ignari cittadini da parte di criminali che li utilizzano, ad esempio, per richiedere finanziamenti o acquistare beni a loro nome, basta infatti semplicemente possederne una.

    All'ampliamento del fenomeno - che registra una continua crescita contribuisce la diffusione incontrollata di dati anagrafici e informazioni personali, che possono facilmente essere riutilizzati illecitamente nel mondo "virtuale" o in quello "fisico". Pochi, e poco efficaci, i limiti normativi e gli elementi di deterrenza, con il risultato che questa tipologia di crimine, oltre che di facile attuazione, risulta poco rischiosa per coloro che la perpetrano.

    Questo è quanto emerge nell'ambito del progetto "Nessuno", il primo in Italia ad indagare in maniera strutturata il fenomeno del furto di identità nel nostro Paese. La ricerca, in costante aggiornamento e sviluppo, ha preso il via nel 2007 dalla collaborazione tra MISTER CREDIT, la divisione consumer di CRIF, e RiSSC, Centro Ricerche e Studi su Sicurezza e Criminalità.

    Da un recente approfondimento di tipo qualitativo emergono i profili comportamentali delle fasce di popolazione più a rischio di diventare "vittime". La categoria più esposta è quella degli uomini di età compresa tra i 30 e i 49 anni. Trentenni e quarantenni sono più facili da impersonificare da parte dei ladri di identità, e vittime molto appetibili anche per il buon potenziale di credito che i frodatori possono sfruttare. Inoltre, si tratta della categoria che, più delle altre, produce e lascia "tracce personali", che possono essere raccolte e riutilizzate da malintenzionati. Tracce che appartengono fondamentalmente alle normali abitudini di vita, come viaggiare, pernottare in albergo, cenare fuori casa, acquistare beni, richiedere finanziamenti.

    Dal punto di vista lavorativo, i liberi professionisti sono le persone che, in virtù della propria attività, sono più visibili: nel caso degli iscritti ad albi professionali, ad esempio, i dati personali sono generalmente pubblici e accessibili anche online su Internet.

    Per contrastare il fenomeno, CRIF, che gestisce il principale Sistema di Informazioni Creditizie nel nostro Paese, ha realizzato "Identikit", il servizio della linea MISTER CREDIT che consente al cittadino di essere informato tempestivamente via sms o email nel caso in cui qualcuno utilizzi i suoi dati personali illecitamente per richiedere finanziamenti o acquistare beni a suo nome. Il servizio offre anche assistenza specifica a coloro che si trovano a essere vittime di questo fenomeno. Sul sito di Mister Credit (www.mistercredit.it) è disponibile una sezione informativa sul fenomeno delle frodi di identità e un vademecum di consigli utili a evitarle.