Come difendersi dal furto di un documento o di un titolo di credito

È necessario:

  • conservare a casa o, comunque, in un luogo sicuro una fotocopia dei documenti e, quindi, della patente di guida, del passaporto, della carta di identità, del porto d'armi, del tesserino professionale,dei dati relativi alla carta di credito o al Bancomat, ecc.;
  • non conservare tutti i documenti di identità nello stesso posto, specialmente se si è in viaggio
  • non comunicate a nessuno i dati relativi ad un documento di identità. Qualora vi vengano richiesti, ad esempio, dalla società emittente la carta di credito o da un fornitore, verificate l'attendibilità della fonte contattando telefonicamente la società, prendendo il numero di telefono dall'elenco o da documenti in vostro possesso di cui siete certi. Dovete cercare di capire se la richiesta è accettabile e, quindi, inviare i dati ad un numero di fax della società stessa evitando di darli per telefono, anche se è più comodo;
  • immediatamente dopo aver subito un furto o uno scippo, denunciate l'accaduto al Pronto Intervento (112 per i Carabinieri, 113 per la Polizia di Stato). Recatevi poi negli uffici dell'Autorità di Polizia Giudiziaria e presentate la denuncia, fornendo gli estremi dei documenti che vi sono stati sottratti;
  • controllate frequentemente che nel portafoglio siano sempre presenti la carta di credito ed altri documenti. È accaduto, infatti, a diverse persone di essersi accorte troppo tardi di avere smarrito la carta di credito, non riuscendo così a limitare i danni;
  • non lasciate mai incustoditi la giacca o la borsetta contenenti il portafoglio: il ladro è veloce! Iladro può essere la persona che lavora nella stanza accanto alla vostra: normalmente tutti ritengono che sia mpossibile e, invece, ci sono tanti episodi che dimostrano il contrario.

Fate molta attenzione, quindi, ai segnali di “rischio”, anche se deboli. Non trascurandoli, potreste accorgervi che qualcuno sta utilizzando il vostro documento d'identità o la vostra carta di credito.

La Polizia vi può aiutare fornendovi molti consigli utili.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su come difendersi dal furto di un documento o di un titolo di credito.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Lorenzo Briotti 26 maggio 2008 at 16:40

    Cresce in Italia il rischio di vedere i propri dati personali e la propria identità utilizzati in maniera fraudolenta. Oggi, per essere vittima di furto di identità, ossia l'appropriazione indebita dei dati personali di ignari cittadini da parte di criminali che li utilizzano, ad esempio, per richiedere finanziamenti o acquistare beni a loro nome, basta infatti semplicemente possederne una.

    All'ampliamento del fenomeno - che registra una continua crescita contribuisce la diffusione incontrollata di dati anagrafici e informazioni personali, che possono facilmente essere riutilizzati illecitamente nel mondo "virtuale" o in quello "fisico". Pochi, e poco efficaci, i limiti normativi e gli elementi di deterrenza, con il risultato che questa tipologia di crimine, oltre che di facile attuazione, risulta poco rischiosa per coloro che la perpetrano.

    Questo è quanto emerge nell'ambito del progetto "Nessuno", il primo in Italia ad indagare in maniera strutturata il fenomeno del furto di identità nel nostro Paese. La ricerca, in costante aggiornamento e sviluppo, ha preso il via nel 2007 dalla collaborazione tra MISTER CREDIT, la divisione consumer di CRIF, e RiSSC, Centro Ricerche e Studi su Sicurezza e Criminalità.

    Da un recente approfondimento di tipo qualitativo emergono i profili comportamentali delle fasce di popolazione più a rischio di diventare "vittime". La categoria più esposta è quella degli uomini di età compresa tra i 30 e i 49 anni. Trentenni e quarantenni sono più facili da impersonificare da parte dei ladri di identità, e vittime molto appetibili anche per il buon potenziale di credito che i frodatori possono sfruttare. Inoltre, si tratta della categoria che, più delle altre, produce e lascia "tracce personali", che possono essere raccolte e riutilizzate da malintenzionati. Tracce che appartengono fondamentalmente alle normali abitudini di vita, come viaggiare, pernottare in albergo, cenare fuori casa, acquistare beni, richiedere finanziamenti.

    Dal punto di vista lavorativo, i liberi professionisti sono le persone che, in virtù della propria attività, sono più visibili: nel caso degli iscritti ad albi professionali, ad esempio, i dati personali sono generalmente pubblici e accessibili anche online su Internet.

    Per contrastare il fenomeno, CRIF, che gestisce il principale Sistema di Informazioni Creditizie nel nostro Paese, ha realizzato "Identikit", il servizio della linea MISTER CREDIT che consente al cittadino di essere informato tempestivamente via sms o email nel caso in cui qualcuno utilizzi i suoi dati personali illecitamente per richiedere finanziamenti o acquistare beni a suo nome. Il servizio offre anche assistenza specifica a coloro che si trovano a essere vittime di questo fenomeno. Sul sito di Mister Credit (www.mistercredit.it) è disponibile una sezione informativa sul fenomeno delle frodi di identità e un vademecum di consigli utili a evitarle.