Fondo patrimoniale - sanzioni tributarie ed amministrative

1. Esecuzione su fondo patrimoniale per sanzioni tributarie ed amministrative
2. Chi costituisce il fondo patrimoniale deve dimostrare che il debito tributario è incorrelato alle esigenze familiari
3. Legittima l'esecuzione sui beni confluiti nel fondo patrimoniale costituito dal debitore erariale

Esecuzione su fondo patrimoniale per sanzioni tributarie ed amministrative

I debiti erariali sono sempre riconducibili a soddisfare i bisogni della famiglia

Vale la pena ricordare che già il Ministero delle Finanze aveva ritenuto pignorabile la quota immobiliare del debitore, considerando improponibile l'eccezione ex articolo 170 del codice civile  (l'esecuzione sui beni del fondo patrimoniale e sui frutti di essi non può aver luogo per debiti che il creditore conosceva essere stati contratti per scopi estranei ai bisogni della famiglia) con riferimento ai crediti fatti valere dall'Amministrazione finanziaria. L'evasione delle imposte sul reddito delle persone fisiche, da parte del debitore che costituisce il fondo patrimoniale, va sempre ricondotta come funzionale ai bisogni della famiglia, nel senso che, fino a prova contraria, è la famiglia a trarre vantaggio del mancato pagamento, parziale o integrale, di tali imposte.

Chi costituisce il fondo patrimoniale deve dimostrare che il debito tributario è incorrelato alle esigenze familiari

Anche la Corte di Cassazione ritiene che  spetti in ogni caso al contribuente l’onere della prova e la dimostrazione che gli immobili di famiglia, poi confluiti nel fondo patrimoniale, siano estranei all'evasione fiscale. Ed è proprio la sostanziale impossibilità di tale dimostrazione che ha convito i giudici della Corte di Cassazione a respingere, con sentenza numero 1295 del 30 gennaio 2012,  il ricorso presentato  nei confronti della Corte di Appello, che aveva rigettato la precedente domanda diretta ad ottenere la declaratoria di nullità, annullabilità o inefficacia dell'iscrizione ipotecaria su beni costituiti in fondo patrimoniale. In sostanza, i giudici di legittimità hanno concordato con quelli di merito che il debito tributario rientra nel novero di quelli sorti per far fronte ai bisogni della famiglia.  Sarà compito del contribuente, peraltro assai arduo, individuare qualche fantasioso tributarista in grado di  dimostrare che la famiglia non è l'utilizzatrice finale dell'evasione fiscale  ...

Del resto, una diversa impostazione violerebbe in modo palese i principi costituzionali. Per l'evasore fiscale sistematico, i beni conferiti al fondo patrimoniale risulterebbero non ipotecabili, impignorabili e non espropriabili, mentre al povero diavolo che non riesce a pagare la tassa sulla spazzatura verrebbe sicuramente disposto il fermo amministrativo sul catorcio di proprietà.

Anche per quanto riguarda l'omesso pagamento di sanzioni amministrative, l'esecuzione sui beni del fondo patrimoniale non può aver luogo se non esclusivamente per debiti riconducibili a scopi estranei ai bisogni della famiglia.



Legittima l'esecuzione sui beni confluiti nel fondo patrimoniale costituito dal debitore erariale

Principio ribadito dal Tribunale di Milano che, con sentenza numero 11570/2012, ha ritenuto valida l’iscrizione ipotecaria su uno degli immobili inseriti nel fondo patrimoniale costituito dal debitore, perchè il debito derivava da sanzioni amministrative, nella fattispecie multe per violazione del codice della strada, riconducibili ai bisogni della famiglia. Secondo il magistrato, infatti, solo dimostrando che la vettura con cui sono state commesse le infrazioni era nella disponibilità, dell'azienda o di altro soggetto estraneo al nucleo familiare, si sarebbe potuta far valere l'eccezione di cui all'articolo 170 del codice civile (l'esecuzione sui beni del fondo patrimoniale e sui frutti di essi non può aver luogo per debiti che il creditore conosceva essere stati contratti per scopi estranei ai bisogni della famiglia).

Pertanto, i beni conferiti al fondo patrimoniale possono essere oggetto di azioni esecutive (ipoteca, pignoramento, espropriazione) anche dopo cinque anni dalla costituzione del fondo, se il debito per il quale il creditore procede è riconducibile a oneri contratti nell'interesse della famiglia o, meglio, quando l'interesse della famiglia non può essere escluso in riferimento alla formazione del debito.

Insomma, chi costituisce un fondo patrimoniale può vedersi pignorata la casa conferita al fondo per multe non pagate prese a bordo del veicolo di famiglia. Mentre la casa resta al sicuro se si scorazza in senso vietato sull'auto dell'azienda e non si pagano le conseguenti multe.

26 dicembre 2013 · Giorgio Valli

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , ,

azione revocatoria e declaratoria di inefficacia degli atti del debitore, prescrizione azione revocatoria, sanzioni tributarie e civili, sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di fisco tributi e contributi, sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di fondo patrimoniale e trust, trust e fondo patrimoniale

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su fondo patrimoniale - sanzioni tributarie ed amministrative. Clicca qui.

Stai leggendo Fondo patrimoniale - sanzioni tributarie ed amministrative Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 26 dicembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 29 maggio 2017 Classificato nella categoria azione revocatoria e declaratoria di inefficacia degli atti del debitore Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca