Come funziona il fondo di garanzia prima casa

Al Fondo possono accedere tutti i cittadini, ma di fatto sono indicate delle specifiche priorità, a favore di categorie considerate più deboli che sono le seguenti:

  1. giovani coppie coniugate;
  2. nuclei familiari monogenitoriali con figli minori;
  3. inquilini di alloggi di proprietà degli Istituti Autonomi Case Popolari;
  4. giovani di età inferiore ai 35 anni, con contratto di lavoro atipico.

Altra condizione necessaria è che si abbia un reddito ISEE inferiore a 40.000 euro e non si sia proprietari di altri immobili.

I mutui che potranno essere finanziati dovranno essere di importo non superiore a 250.000 euro.

Il fondo non interviene sui mutui concessi per l'acquisto e la ristrutturazione di case di lusso e per ville, case storiche e castelli.

Le condizioni dei mutui ipotecari sui quali viene richiesta la garanzia sono negoziate tra le singole banche e i singoli acquirenti.

Per il solo tasso di interesse, fanno eccezione i mutui concessi ai soggetti con accesso prioritario al fondo: a essi si può applicare un tasso effettivo globale non superiore al tasso effettivo globale medio determinato trimestralmente.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su come funziona il fondo di garanzia prima casa.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.