Per ottenere la riduzione sarà sufficiente denunciare, come evasore fiscale, il proprietario dell'appartamento

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

A partire dal 1° gennaio 2011 gli inquilini  senza un contratto di locazione regolarmente registrato – o anche con un contratto registrato a titolo di finto comodato gratuito – potranno ottenere una riduzione del canone che puo' arrivare fino al 90%.

Per poter fruire di questa agevolazione bastera' semplicemente denunciare, all’Agenzia delle Entrate, il proprietario (evasore) dell’appartamento.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook o Google+.

  • Simone Saintjust 17 agosto 2011 at 09:05

    pago sanzioni se veniamo scoperti entrambi (inquilino e proprietario) della evasione?

    non pago le sanzioni se vado a denunciare personalmente l’irregolarità?

    Sicuramente non le avrebbe pagate se avesse fatto la denuncia entro il termine del 6 giugno u.s. Adesso nessuno può dirglielo: la legge non è chiara al riguardo e bisognerà attendere per esaminare la casistica.

    Ma, senza effettuare denuncia lei rischia di pagare comunque le sanzioni e non vedersi applicate le agevolazioni previste per l’inuilino che denuncia:

    A decorrere dalla registrazione del contratto, il canone è fissato in misura pari al triplo della rendita catastale, oltre l’adeguamento, che trova applicazione dall’anno successivo in base al 75% dell’aumento degli indici ISTAT.

    In particolare, ex lege, la durata del contratto viene stabilita in 4 anni a decorrere dalla data di registrazione (volontaria o d’ufficio). Viene, altresì, previsto che al rinnovo dei contratti di locazione si applica la disciplina di cui all’articolo 2, comma 1, della legge n. 431 del 1998, il quale prevede che i contratti siano rinnovati automaticamente alla scadenza per un periodo di 4 anni, fatte salve l’eccezioni previste dal medesimo articolo 2.

    Il proprietario dell’appartamento può essere stanato dai funzionari comunali (i comuni introiteranno la maggior parte dei soldi ricavati dall’emersione delle rendite da locazione non dichiarate nei redditi) oppure (beffa delle beffe) sarà lui ad autodenunciarsi (se trova un buon avvocato all’UPPI gli consiglierà certamente questa soluzione – così non rischia di vedersi decurtato il canone). Faccia le sue valutazioni e le prossime eventuali domande, per cortesia, le inserisca nel forum.

    Qui non ci saranno ulteriori repliche.

1 11 12 13