Gli elementi che configurano come autonomo il contratto di garanzia

Ai fini della configurabilità di un contratto autonomo di garanzia oppure di un contratto di fideiussione, non è decisivo l'impiego o meno delle espressioni a semplice richiesta o a prima richiesta del creditore, ma la relazione in cui le parti hanno inteso porre l'obbligazione principale e l'obbligazione di garanzia.

Infatti la caratteristica fondamentale che distingue il contratto autonomo di garanzia dalla fideiussione è l'assenza dell'elemento dell'accessorietà della garanzia, insito nel fatto che viene esclusa la facoltà del garante di opporre al creditore le eccezioni che spettano al debitore principale, in deroga alla regola essenziale della fideiussione, posta dall'articolo 1945 del codice civile.

Questo l'orientamento a cui si è ispirata la Corte di Cassazione nella sentenza numero 15108/13.

19 giugno 2013 · Simone di Saintjust

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su gli elementi che configurano come autonomo il contratto di garanzia. Clicca qui.

Stai leggendo Gli elementi che configurano come autonomo il contratto di garanzia Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 19 giugno 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 16 marzo 2017 Classificato nella categoria garanzie e fideiussioni Inserito nella sezione giurisprudenza del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info