Fermo amministrativo su ciclomotore » Strappare i sigilli costituisce reato

Se, dopo aver subito il fermo amministrativo sul proprio ciclomotore, ci si appresta a strappare i sigilli, si commette un reato penale.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 37533/13, ha sancito che: È stato già definitivamente affermato da questa Suprema Corte con decisione delle Sezioni Unite, dal cui indirizzo interpretativo non si ravvisano ragioni per discostarsi, che "il reato di violazione di sigilli è configurabile anche nel caso in cui i sigilli siano stati apposti esclusivamente per impedire l'uso illegittimo della cosa, perché questa finalità deve ritenersi compresa in quella, menzionata nell'articolo 349 codice penale, di assicurare la conservazione o la identità della cosa.

A parere degli Ermellini, quindi, chiunque venga sorpreso a strappare il documento con l'indicazione del provvedimento di fermo amministrativo compie il reato di violazione di sigilli.

Questa infrazione alla legge, è disciplinata dall'articolo 349 del Codice Penale, dove si legge che: Chiunque viola i sigilli, per disposizione della legge o per ordine dell'autorità apposti al fine di assicurare la conservazione o l'identità di una cosa, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 103 a euro 1.032 [c.p. 29]. Se il colpevole è colui che ha in custodia la cosa, la pena è della reclusione da tre a cinque anni e della multa da euro 309 a euro 3.098.

Attenzione, si parla addirittura di reclusione.

Inoltre, dal punto di vista civile, è bene ricordare che chi viene colto a circolare con un veicolo sottoposto a fermo amministrativo subisce una multa tra 714 euro e 2.859 euro, oltre alla confisca del mezzo.

30 settembre 2013 · Carla Benvenuto

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su fermo amministrativo su ciclomotore » strappare i sigilli costituisce reato.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.