FATTURE OGGETTIVAMENTE FALSE E PROVA

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

“Qualora l'Amministrazione finanziaria contesti al contribuente l'indebita detrazione di fatture, in quanto relative ad operazioni inesistenti, la prova della legittimità e della correttezza delle detrazioni deve essere fornita dal contribuente mediante l'esibizione dei documenti contabili legittimanti … Ed infatti, se è vero che l'Amministrazione non può limitarsi ad una generale ed apodittica non accettazione della documentazione del contribuente, essendo suo onere quello di indicare specificamente gli elementi, anche indiziari, sui quali si fonda la contestazione, è altrettanto vero che resta onere del contribuente dimostrare l'effettiva esistenza delle operazioni … E' per altro del tutto evidente che, a fronte delle fondata contestazione dell'inesistenza delle operazioni fatturate e della conseguente traslazione dell'onere della prova a carico del contribuente, costui … dovrà, a sua volta, allegare elementi di prova in grado di dimostrarne la loro effettiva esistenza” (C.Cass. sent. numero 21317 del 15 ottobre 2010).

La discussione continua a indebitati.it forum. Clicca sul link qui sotto:

FATTURE OGGETTIVAMENTE FALSE E PROVA

Per porre una domanda agli esperti, accedi al forum.

8 novembre 2010 · Simone di Saintjust

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.