Il problema di una fattura fantasma

Sottopongo un problema di una fattura "fantasma": nel 2004 ho incaricato una ditta per fare dei lavori di costruzione al tetto della mia casa nuova.

I lavori consistevano in lavori a misura (al mq) in base al preventivo fornitomi dalla ditta (non ho firmato nessun contratto) comunque i lavori sono stati effettuati e conclusi.

Mi è stato presentato un conto che ho pagato a saldo (con firma e data della ditta a ricevimento del saldo); tutto accadeva a fine marzo 2004.

Nel marzo 2011 mi viene recapitata (mittente della raccomandata il commercialista della ditta) una fattura con data 24.12.2010 a me intestata, con descritto ore di lavoro che la ditta avrebbe fatto al mio tetto all'epoca dei lavori (2004) per un totale di 2000,00 Euro.

Prontamente mi reco dal commercialista della ditta chiedendo spiegazioni e protestando per l'infondatezza della fattura stessa; lo stesso mi dice che mi avrebbe chiamato in seguito per chiarimenti.

Invece di chiarimenti, non vengo mai chiamato e a distanza di un anno (10.04.2012) ricevo dall'avvocato una diffida e un intimazione a pagare la fattura in questione.

Come mi devo comportare in questo caso assurdo?

Può la ditta reclamare crediti a distanza di 7 anni dicendo di aver fatto ore di lavoro alla mia casa di cui non ho mai dato incarico?

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il problema di una fattura fantasma.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.