Fatti e fumetti sulla bolla immobiliare

Trovare casa o perderla perché non ce la si fa a pagare il mutuo. È ormai cronaca di tutti i giorni nel nostro Paese in cui il bene casa è diventato un mondo a parte, con le sue regole e le sue speculazioni. A raccontare questa grande bolla intorno a quello che ancora oggi è considerato uno dei beni principali per le famiglie italiane ci prova adesso la giornalista Roberta Carlini con il suo Le mani sulla casa. Fatti e fumetti sulla bolla immobiliare per le edizioni Ediesse. E lo fa in modo intelligente ed originalissimo, affiancando il ritmo serrato dell'inchiesta all'ironica leggerezza delle illustrazioni, quelle di Pat Carra, Premio Satira politica 2006 di Forte dei Marmi.

Il libro è un vero e proprio giro in nove tappe intorno al mondo immobiliare.

Dagli inquilini tartassati da un mercato instabile al business delle agenzie passando per i mutui a rischio, con le rate fisse per giovani (che hanno invece stipendi e contratti quanto mai flessibili). C’è spazio per tutti in quest’inchiesta dove le parole si intrecciano con le strisce satiriche.

Ogni tappa del libro è una storia, ogni storia è un abitante. Paolo, Franco, Andrea, Galina, Roberta, Bruno, Valeria, Giuliana, Pat. Vite che si intrecciano a causa del problema casa. Chi è in affitto, chi ha comprato ma non ce la fa a pagare il mutuo a fine mese, chi è in nero e rischia di essere butato fuori da un momento all'altro. La loro voce però è corale e permette di scattare una fotografia micidiale del Paese in questo momento, dove a farla da padroni appaiono banche spietate e immobiliaristi senza scrupoli autorizzati a costruire e vendere nel nome della speculazione.

di Maria Zuppello da Panorama.it

6 dicembre 2007 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su fatti e fumetti sulla bolla immobiliare.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.