Fate ricorso per le vostre Multe? A Roma 5 volte su 6 se ne dimenticano!

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

L'83 per cento dei ricorsi presentati al Prefetto dall'inizio dell'anno non ha ancora avuto una risposta. Nel corso del 2008 i romani che hanno contestato un verbale sono 300 mila (quelli che hanno ottenuto una risposta sono appena 50 mila). Tutti coloro che hanno presentato un ricorso hanno diritto a una risposta entro un certo termine dice l'avvocato Filippo Carusi. Se ciò non avviene, scatta il meccanismo del silenzio-assenso e la contestazione si dà per accolta.

Ogni multa è iscritta alla voce Entrate nel bilancio di previsione del Comune. L'amministrazione, basandosi sulla media dei verbali degli ultimi anni, si aspetta di incassare una certa somma. I 300 mila ricorsi inoltrati al Prefetto attraverso i gruppi della Polizia Municipale continuano ad arenarsi in via Ostiense. Il motivo è che gli uffici non hanno abbastanza personale per esaminare le contestazioni.

La Prefettura ha soltanto sei impiegati per lavorare i ricorsi che arrivano dai cittadini attraverso la Municipale. Le multe l'anno scorso sono state al terzo posto tra le voci di entrata del Comune. Una somma, tra arretrati e partite correnti, di poco inferiore a 130 milioni di euro.

13 gennaio 2009 · Giuseppe Pennuto

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.