Debiti e recupero crediti - fare quel che si può ed attendere che accada quel che deve

Lei non deve fare nulla signora, solo riporre il decreto ingiuntivo ed i bollettini in un cassetto e dimenticare questa storia..

Della sua auto La COFACTOR non sa cosa farsene.

L'unico rammarico è aver buttato via i soldi versati finora alla COFACTOR. Poteva farne un uso più accorto, non tanto per lei e suo marito, ma per i due bambini.

Insomma cosa teme? Nè lei, nè suo marito sarete tradotti in carcere per non aver pagato debiti. Del resto se i soldi non ci sono non è possibile pagare.

A suo marito, forse, pignoreranno il quinto dello stipendio. Pazienza. Sarà un modo perchè lei possa stare tranquilla. Almeno spero.

Se l'ufficiale giudiziario verrà a casa pignorerà quadri di valore, gioielli griffati ed impianti audio visivi di ultima tecnologia. Dovrà però lasciarle i letti per dormire, la cucina e quant’altro serve per cucinare ed i vestiti da indossare.

Pure la fede nuziale le lascerà. Cosa vuole di più?

Signora, inutile disperarsi. Bisogna fare quel che si può e lasciare che accada quel che deve. Noi non possiamo fare altro.

da hai domande sui debiti? at indebitati.it forum

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

18 settembre 2010 · Chiara Nicolai

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su debiti e recupero crediti - fare quel che si può ed attendere che accada quel che deve.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • simona 4 ottobre 2010 at 20:33

    buonasera, premetto di avere degli insoluti cui far fronte. oggi ho ricevuto , una lettera di posta massiva , in carta semplice la cui intestazione era leggibile a chiunque, con l quale la COFACTOR mi intimava di pagare il mio insoluto entro 5 giorni dall'invio della lettera ( invita in 24 settembre) altrimenti AVREBBERO PROVVEDUTO AL PIGNORAMENTE DI QUALSIASI COSA DI MIA PROPRIETA'ADDUCENDO CHE IN CASO DI ASSENZA DAL DOMICILIO AVREBBERO SFONDATO LA PORTA CON LA FORZA PUBBLICA, premmesso che io sono in torto poiche non ho ottemperato ad un debito , vi chiedo una consulenza urgente. io ho mia madre malata di cancro , operata piu volte e di fronte a questa lettera è stata male.
    E' LEGALE QUESTO TIPO DI VELATA MINACCIA?
    E' LEGALE IL TERRORISMO PSICOLOGICO TESO A SPAVENTARE A TAL PUNTO LE PERSONE DA CREARE MALESSERE FISICO?

    VI CHIEDO PER FAVORE UNA RISPOSTA ED UN AIUTO PERCHE' IO DAVVERO NON SO COSA FARE E COME FAR FRONTE A TUTTO E QUESTE MINACCIE MI HANNO MASSACRATA. è VERO CHE IO DEVO PAGARE IL DEBITO MA PER QUESTO ANCHE UMILIATA E MASSACRATA?

    vi ringrazio per l'attenzione

    • cocco bill 5 ottobre 2010 at 07:15

      Ciao Simona. Il tuo quesito va riportato nella sezione "debiti e sovraindebitamento" del nostro forum.

      La registrazione al forum è da noi gradita, ma non è ovviamente necessaria per poter ottenere risposta.

      Potrai inserire il tuo quesito e leggere la risposta dei consulenti anche come semplice ospite visitatore, non registrato.