Debiti e recupero crediti - fare quel che si può ed attendere che accada quel che deve

Lei non deve fare nulla signora, solo riporre il decreto ingiuntivo ed i bollettini in un cassetto e dimenticare questa storia..

Della sua auto La COFACTOR non sa cosa farsene.

L'unico rammarico è aver buttato via i soldi versati finora alla COFACTOR. Poteva farne un uso più accorto, non tanto per lei e suo marito, ma per i due bambini.

Insomma cosa teme? Nè lei, nè suo marito sarete tradotti in carcere per non aver pagato debiti. Del resto se i soldi non ci sono non è possibile pagare.

A suo marito, forse, pignoreranno il quinto dello stipendio. Pazienza. Sarà un modo perchè lei possa stare tranquilla. Almeno spero.

Se l'ufficiale giudiziario verrà a casa pignorerà quadri di valore, gioielli griffati ed impianti audio visivi di ultima tecnologia. Dovrà però lasciarle i letti per dormire, la cucina e quant’altro serve per cucinare ed i vestiti da indossare.

Pure la fede nuziale le lascerà. Cosa vuole di più?

Signora, inutile disperarsi. Bisogna fare quel che si può e lasciare che accada quel che deve. Noi non possiamo fare altro.

La discussione continua in questo forum.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

18 settembre 2010 · Chiara Nicolai

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su debiti e recupero crediti - fare quel che si può ed attendere che accada quel che deve.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.