I dati sull'evasione fiscale

Nel lontano 2000, ad esempio, i crediti affidati ammontavano a 39,5 miliardi: di questi, tra il 2000 e il 2005 sono stati portati a casa 6,3 miliardi, mentre un altro miliardo e 800 milioni sono rientrati a spizzichi e bocconi tra il 2006 e il 2012.

Praticamente, di quei quasi 40 miliardi in dodici anni ne sono stati recuperati appena 8.

Ma vediamo come è andata successivamente. Nel 2001 era le cifre erano inferiori: solo 21 miliardi, ma le cose non sono andate meglio. Nei primi cinque anni si sono riscossi in tutto 3,2 miliardi, nei successivi sei anni altri 1,2. In tutto 4 miliardi e mezzo, sui 21 totali.

Arriviamo fino al 2006, anno in cui il carico di crediti da recuperare sale a ben 51 miliardi e 760 milioni.

Di questi, sono rientrati solo 8 miliardi e 360 milioni. E Gli altri? Chi lo sa.

Non è finita: nel 2009 si tocca quota 60 miliardi, ma alla data del 2012 ne erano stati riscossi soltanto 6.

In sostanza, più aumenta la capacità del fisco di individuare l'evasione fiscale, meno si riesce a farsi restituire le somme dovute.

Nel triennio 2010-2012, infatti, si registrano ben 219 miliardi di crediti affidati, dato che l'Agenzia delle Entrate fa i record quanto ad accertamenti. E quelli incassati? Appena 17 miliardi.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.