Estinzione anticipata e rinnovo della cessione del quinto - regole

La legge non consente che sulla stessa retribuzione gravino più cessioni contemporaneamente. Al fine di limitare la reiterazione di cessioni, è inoltre previsto che il dipendente possa estinguere anticipatamente il residuo del debito contratto con l'istituto di credito mediante cessione dello stipendio, purchè siano trascorsi due anni dall'inizio della cessione stipulata per cinque anni oppure che siano trascorsi quattro anni, nel caso di cessione stipulata per dieci anni.

Due sono le eccezioni al divieto:

  1. una prima eccezione è quella che consente di contrarre una nuova cessione di durata decennale anche prima che siano decorsi due anni dall'inizio di una precedente cessione quinquennale, a condizione che si tratti della prima cessione decennale, nell'arco della vita del dipendente e che la stessa sia destinata innanzitutto ad estinguere la precedente cessione quinquennale;
  2. una seconda eccezione è quella che consente al dipendente che abbia provveduto ad estinguere anticipatamente la precedente cessione, di stipulare un'altra cessione senza obbligo di rispetto dei predetti limiti temporali tra una cessione e l'altra: in tal caso tuttavia il lavoratore dovrà rispettare comunque l'intervallo di un anno dall'anticipata estinzione prima di contrarre la nuova cessione.

Trascorsi i termini di due o quattro anni senza che la precedente cessione sia stata estinta (anticipatamente), il lavoratore potrà stipulare una nuova cessione, nel rispetto delle condizioni indicate ai paragrafi precedenti, sempre che il ricavato di questa nuova cessione sia destinato all'estinzione della cessione in corso, sino a concorrenza del residuo ammontare del debito, dal momento che la normativa non consente la coesistenza di più cessioni sulla medesima retribuzione.

Nessun limite temporale deve viceversa essere rispettato per contrarre una nuova cessione qualora la prima abbia una durata inferiore a cinque anni, fermo restando che, comunque, la nuova cessione dovrà essere finalizzata all'estinzione della cessione in corso.

19 aprile 2014 · Tullio Solinas

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, ,

contratti di prestito - cessione del quinto e delega di pagamento

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su estinzione anticipata e rinnovo della cessione del quinto - regole. Clicca qui.

Stai leggendo Estinzione anticipata e rinnovo della cessione del quinto - regole Autore Tullio Solinas Articolo pubblicato il giorno 19 aprile 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 23 luglio 2017 Classificato nella categoria contratti di prestito - cessione del quinto e delega di pagamento Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca