Cosa accade quando il creditore procedente espropria un bene che non è di proprietà del debitore [Commento 1]

  • paola b 3 aprile 2015 at 10:16

    Buongiorno ho chiesto un prestito di 15 mila euro nel 2008, successivamente mio marito è stato licenziato, per un pò ho continuato a pagare ma poi non c'è l'ho fatta più, ora vi vengono a chiedere 21 euro con un'ingiunzione. Mio marito ancora ad oggi è disoccupato, lavoro soltanto io. Possiedo una casa accatastata, ma ancora abusiva, possono pignorarla?

    • Ludmilla Karadzic 3 aprile 2015 at 10:27

      Non credo proprio che la finanziaria, o la società di recupero crediti subentratale, si avventuri in una procedura di espropriazione di un immobile che, teoricamente, potrebbe anche essere abbattuto o addirittura espropriato al debitore. Al massimo procederà all'iscrizione di ipoteca.

      Piuttosto, se il suo è un lavoro da dipendente, sceglierà di procedere con un pignoramento presso terzi dello stipendio.

      Per ulteriori valutazioni, bisognerebbe anche capire anche che cosa si intende per ingiunzione e se chi l'ha contattata è il creditore originario oppure il cessionario.

Torna all'articolo