L'esonero contributivo per il bienno 2016/17: dettagli e particolarità

1. Esonero contributivo per neoassunti » Novità e proroga fino al 2017: ecco di cosa si tratta
2. In cosa consiste l'esonero contributivo per neoassunti
3. L'esonero contributivo per il 2017

Esonero contributivo per neoassunti » Novità e proroga fino al 2017: ecco di cosa si tratta

Esonero contributivo per neoassunti: novità, dettagli, particolarità e proroga fino al 2017, ecco di cosa si tratta.

Allo scopo di promuovere forme di occupazione stabile, la Legge di stabilità 2016 ha introdotto l'esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, nella misura del 40 per cento dell'ammontare dei contributi medesimi, per le assunzioni a tempo indeterminato effettuate nel corso del 2016.

L'incentivo in oggetto è riconosciuto a tutti i datori di lavoro privati, ivi compresi i datori di lavoro del settore agricolo, ed opera per un periodo di due anni a partire dalla data di assunzione del lavoratore.

Con la circolare n. 57, pubblicata il 29 marzo 2016, l'Istituto fornisce le indicazioni e le istruzioni per la gestione degli adempimenti previdenziali connessi alla predetta misura di esonero contributiva.

In cosa consiste l'esonero contributivo per neoassunti

L'esonero contributivo è, in sostanza, l’agevolazione riconosciuta a favore dei datori di lavoro che assumono lavoratori a tempo indeterminato: vediamo di cosa si tratta.

l’esonero contributivo per le assunzioni con contratto a tempo indeterminato effettuate nel 2016 risulta decisamente ridotto rispetto a quello disciplinato dalla Legge di Stabilità 2015:

Possono beneficiare dell’esonero contributivo i datori di lavoro del settore privato, indipendentemente dal settore di appartenenza.

L’esonero spetta, con misure e condizioni diverse, anche ai datori di lavoro del settore agricolo.

Per fruire del beneficio, i datori di lavoro sono tenuti, oltre al rispetto della normativa sul lavoro e degli accordi e contratti collettivi nazionali regionali, territoriali o aziendali eventualmente sottoscritti, alla regolarità degli obblighi di contribuzione previdenziale e assistenziale.

L’esonero contributivo si applica alle nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato (anche part-time) operate dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2016.

L’esonero contributivo NON spetta:

L’esonero contributivo spetta per un periodo massimo di 24 mesi decorrenti dalla data di assunzione e consiste nell’esonero dal versamento del 40% dei complessivi contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, nel limite massimo di 3.250 euro annui.

L’esonero contributivo biennale non si applica ai premi e contributi dovuti all’INAIL.

Infine, secondo quanto previsto dal comma 178 dell’art. 1 Legge n. 208/2015, una sostanziale differenza rispetto all'agevolazione di cui alla Legge di Stabilità 2015 consiste nella non cumulabilità dell’agevolazione con altri esoneri o riduzioni delle aliquote di finanziamento previsti da altre disposizioni normative vigenti.



L'esonero contributivo per il 2017

Come funzionerà l'istituto dell'esonero contributivo nell'anno fiscale 2017: la guida.

Ad ogni modo, in attesa del cuneo fiscale, vi sarà, come già esposto, la proroga dell’esonero contributivo, nel 2017, con uno “sconto” sui contributi Inps a carico del datore di lavoro pari al 20-25%.

Il funzionamento dello sgravio ricalcherà quello attualmente esistente, pertanto sarà fruibile da tutti i lavoratori privi di occupazione stabile da almeno 6 mesi.

Saranno dunque ammessi all’agevolazione non solo i lavoratori privi di occupazione da almeno 6 mesi, ma tutti coloro per i quali non sussistono, nei 6 mesi precedenti all’assunzione, contratti a tempo indeterminato, ossia chi ha svolto:

Saranno invece esclusi coloro che hanno svolto, nei 6 mesi precedenti, lavoro subordinato a tempo indeterminato, anche se part time o se risultano licenziati durante il periodo di prova o dopo pochi giorni. Sono inoltre esclusi gli apprendisti e coloro che hanno già usufruito del medesimo bonus.

Resteranno uguali anche i requisiti necessari all’ammissione allo sgravio per le aziende.

In particolare, il datore di lavoro dovrà avere il Durc in regola, rispettare le leggi fondamentali in materia di lavoro e le previsioni dei contratti collettivi.

I lavoratori per i quali è valido il bonus dovranno essere assunti per mansioni differenti rispetto a quelle del personale in integrazione salariale.

Se il mancato rispetto della normativa in materia di lavoro, degli accordi collettivi o delle altre condizioni è accertato successivamente alla concessione dello sgravio, il bonus è revocato, e si dovranno restituire le somme illegittimamente erogate.

27 maggio 2016 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

sostegno al reddito - contributi incentivi pensione di inabilità e assegno di invalidità - assegno familiare e per il nucleo familiare - indennità di disoccupazione

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su l'esonero contributivo per il bienno 2016/17: dettagli e particolarità. Clicca qui.

Stai leggendo L'esonero contributivo per il bienno 2016/17: dettagli e particolarità Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 27 maggio 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria sostegno al reddito - contributi incentivi pensione di inabilità e assegno di invalidità - assegno familiare e per il nucleo familiare - indennità di disoccupazione Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca