Esenzione dal ticket sanitario per motivi patologici

L'esenzione dall'onere del ticket sanitario è prevista anche per motivi patologici particolari: vediamo quando e come.

Chi soffre di patologie particolari o di malattie rare ha diritto ad ottenere l'esenzione dal ticket sanitario.

L'esenzione comprende tutte le prestazioni specialistiche relative al trattamento di queste malattie, al successivo monitoraggio e alla prevenzione di ulteriori aggravamenti.

Rientrano nell'esenzione anche le prestazioni strumentali alla diagnosi e agli esami genetici sui familiari del paziente.

Per ottenere l'esenzione dal ticket per patologia cronica o malattia rara, è necessario presentare un certificato medico rilasciato da un presidio ospedaliero o ambulatoriale pubblico.

In alternativa, si deve consegnare all'Asl competente la copia della cartella clinica o del verbale di invalidità in cui venga attestata la patologia.

L'Asl, a sua volta, rilascerà l'attestazione di esenzione con il codice identificativo da applicare alla ricetta e l'elenco delle prestazioni esenti dal ticket.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su esenzione dal ticket sanitario per motivi patologici. Clicca qui.

Stai leggendo Esenzione dal ticket sanitario per motivi patologici Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 20 settembre 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria sostegno al reddito - contributi incentivi pensione di inabilità e assegno di invalidità - assegno familiare e per il nucleo familiare - indennità di disoccupazione Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info