Il diritto di accettare l'eredità si prescrive in 10 anni o, naturalmente, con la morte del chiamato

Il diritto di accettare l'eredità si prescrive in 10 anni o, naturalmente, con la morte del chiamato che non abbia esercitato accettazione espressa e non abbia, in vita, posto in essere comportamenti o azioni dai quali possa presumersi l'accettazione tacita dell'eredità del de primo cuius (consorte del chiamato e madre dei due fratelli).

Il chiamato all'eredità (il padre dei due fratelli, secondo de cuius) non è più in grado, infatti, di procedere all'accettazione espressa o tacita dell'eredità lasciata dalla consorte (primo de cuius e madre dei due fratelli).

Ci troviamo, praticamente, nel caso in cui il chiamato (il padre dei due fratelli) muore prima di aver accettato o rinunziato.

Al posto del chiamato defunto subentrano i suoi eredi legittimi (i due figli) i quali possono accettare (anche tacitamente) o rinunciare all'eredità del primo de cuius (la madre).

In questo caso, l'accettazione dell'eredità del primo de cuius (la madre) da parte dei due fratelli, non presuppone accettazione dell'eredità (e quindi dei debiti) del primo de cuius (il padre).

27 gennaio 2015 · Carla Benvenuto

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca